Nebenzia: l'idea del tribunale dell'Occidente sull’Ucraina è "ridicola" e non merita commenti

© AP Photo / Seth WenigVasily Nebenzia
Vasily Nebenzia - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2023
Seguici suTelegram
Mosca ritiene che l'idea di un tribunale che indaghi sulla Russia per la sua presunta aggressione all'Ucraina sia ridicola e una perdita di tempo, ha dichiarato ai giornalisti il rappresentante permanente russo presso le Nazioni Unite Vasily Nebenzia.
In precedenza, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price aveva dichiarato che gli Stati Uniti esamineranno il ruolo dell'Iran nel conflitto in Ucraina, continuando a documentare i presunti crimini di guerra. Price ha sottolineato che gli Stati Uniti non hanno preso decisioni formali per quanto riguarda gli attori stranieri.
"Si sono lanciati in varie idee ridicole che non ho il tempo di commentare", ha detto lunedì Nebenzia.
Ci sono stati diversi tentativi e dichiarazioni di paesi occidentali che hanno chiesto l'istituzione di un tribunale speciale contro la Russia. Lo scorso anno, a ottobre, Estonia, Lettonia e Lituania hanno chiesto il sostegno dell'UE per istituire tale tribunale. In seguito, l'idea ha ottenuto il favore di altri Paesi e ora sta fluttuando nell'aria.
Ad esempio, il 6 gennaio il leader laburista Keir Starmer, l'ex segretario generale della NATO George Robertson, l'ex segretario agli Esteri David Owen e l'ex leader dei Tory Iain Duncan Smith, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui affermano che il tribunale dovrebbe essere istituito per indagare sulla "guerra palesemente illegale" secondo gli stessi principi alla base dei processi di Norimberga sui crimini di guerra dei leader nazisti.
Il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha dichiarato a dicembre che il totale silenzio dei media occidentali sui crimini di guerra dell'esercito ucraino è il massimo del cinismo. Shoigu ha aggiunto che il Ministero della Difesa russo riceve quotidianamente dati sulle esecuzioni di militari ucraini che si rifiutano di svolgere missioni di combattimento.
I funzionari russi hanno ripetutamente respinto le accuse di aver commesso crimini di guerra, affermando che si dovrebbe piuttosto indagare sulle azioni militari dell'esercito ucraino nei confronti dei cittadini delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, recentemente incorporate nella Russia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала