La Lettonia definisce "la sconfitta della Russia" una delle priorità della politica estera

© Fotolia / AlexpoloЗимняя Рига
Зимняя Рига - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2023
Seguici suTelegram
Il ministero degli Esteri lettone ha definito la "sconfitta della Russia" una delle priorità della politica estera del Paese.
Il ministero degli Esteri della Lettonia ha individuato nella "sconfitta della Russia" una delle priorità della politica estera.
Si precisa che tale disposizione è contenuta nella relazione sull'attività svolta dal Ministero degli Affari Esteri della Repubblica, presentata dal capo del dipartimento, Edgar Rinkevich.

"La sconfitta della Russia è nell'interesse della Lettonia", recita l'estratto del documento.

La Lettonia ha assunto da tempo una posizione estremamente russofoba in politica estera.
A fine novembre, il deputato del Seimas (il parlamento locale), Alexander Kirshteins, ha annunciato che "presumibilmente non esiste alcuna nazione russa" e che la lingua russa "è nata come dialetto quando i mongoli-tartari hanno cercato di parlare ucraino".
La rappresentante del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha osservato che le autorità dei paesi baltici stanno cercando di regolare i conti storici con Mosca.
All'inizio dell'agosto 2022, il parlamento della repubblica ha dichiarato la Russia uno "stato che sostiene il terrorismo". Dopo questa decisione e l'appello a non rilasciare più visti ai russi, Mosca ha raccomandato ai parlamentari lettoni di fermare le provocazioni e affrontare i problemi del loro Paese.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала