Washington non in posizione di dire a Pechino come relazionarsi a Mosca - media cinese

© Sputnik . Алексей Дружинин / Accedi all'archivio mediaIl presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping durante l'incontro a Dushanbe.
Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping durante l'incontro a Dushanbe. - Sputnik Italia, 1920, 01.01.2023
Seguici suTelegram
Sabato, il presidente cinese Xi Jinping ha sottolineato che le relazioni tra Mosca e Pechino potrebbero "trovare nuove opportunità di crescita" nel 2023.
Un media cinese ha riferito che gli Stati Uniti "non sono nella posizione" di puntare il dito contro la Cina e tenere conferenze a Pechino su "come gestire le sue relazioni" con Mosca.
"Rispetto al sistema di alleanze degli Stati Uniti, la relazione Cina-Russia, che si basa sulla non alleanza, sul non confronto e sulla non direzione di terzi, non solo è conforme agli interessi di entrambe le parti, ma può anche essere più favorevole per affrontare le sfide globali", si legge nell'articolo.
I forti legami tra Pechino e Mosca “possono aiutare il mondo a muoversi verso il multipolarismo ed evitare che la comunità internazionale cada nell'unilateralismo”.
Anche prima dell'inizio dell'operazione militare speciale russa in corso in Ucraina, iniziata il 24 febbraio, Washington era "diffidente nei confronti degli stretti legami" tra la Russia e la Cina.
"Poiché gli Stati Uniti hanno classificato i due Paesi come i propri principali concorrenti, o addirittura potenziali nemici, Washington è preoccupata che l'approfondimento della cooperazione tra Cina e Russia influenzi la sua leadership e l'egemonia globale e influisca sul suo effetto di contenimento contro i due paesi".
L'agenzia di stampa ha anche citato il ricercatore associato presso l'Istituto di studi russi, dell'Europa orientale e dell'Asia centrale, Yang Jin dell'Accademia cinese delle scienze sociali, secondo cui gli Stati Uniti "sono preoccupati per l'aumento della cooperazione Cina-Russia nelle aree che riguardano l'economia e il commercio ridurrà significativamente l'effetto delle sanzioni statunitensi e occidentali sulla Russia".
Kim Jong-un è arrivato a Vladivostok - Sputnik Italia, 1920, 01.01.2023
Kim Jong-un accusa gli Stati Uniti di voler creare una "versione asiatica della NATO"
I commenti sono arrivati ​​dopo che un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha affermato venerdì che "coloro che si schierano con Mosca in questa guerra ingiusta si troveranno inevitabilmente dalla parte sbagliata della storia", un apparente riferimento all'operazione militare speciale russa in corso in Ucraina.
"Pechino afferma di essere neutrale, ma il suo comportamento rende chiaro che sta ancora investendo in stretti legami con la Russia", ha detto il portavoce, aggiungendo che Washington "stava monitorando da vicino l'attività di Pechino".
La dichiarazione ha fatto seguito a un incontro virtuale tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping, durante il quale i due, in particolare, hanno elogiato i legami economici bilaterali tra i due Stati. Putin ha sottolineato che "nonostante condizioni esterne sfavorevoli, restrizioni illegittime e intimidazioni dirette da parte di alcuni paesi occidentali, Russia e Cina sono riuscite a garantire tassi di crescita record del commercio reciproco".
Secondo il presidente russo, "entro la fine dell'anno, [il commercio dovrebbe] aumentare del 25%. Con tali dinamiche, saremo in grado di raggiungere l'obiettivo di 200 miliardi di dollari, stabilito da noi per 2024, prima del previsto".
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov al vertice G20 a Bali - Sputnik Italia, 1920, 31.12.2022
Il ministro Esteri russo Lavrov ha discusso con il suo omologo turco la crisi in corso in Siria
Xi, da parte sua, ha sottolineato che la Cina è pronta a costruire una cooperazione strategica con la Russia nell'interesse della stabilità mondiale, nel contesto di una difficile situazione internazionale. Il presidente cinese ha aggiunto che Pechino apprezza molto che la Russia non si sia rifiutata di risolvere la crisi ucraina attraverso i negoziati.
Separatamente questa settimana, Xi ha inviato un telegramma di Capodanno a Putin, esprimendo la volontà di mantenere stretti contatti con lui nel 2023. "Sono pronto [...] a guidare i nostri paesi verso l'approfondimento della cooperazione strategica globale e della collaborazione pratica in vari campi a beneficio dei popoli di entrambi i paesi", si legge nel telegramma.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала