Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk adottano nuove costituzioni

© Sputnik . Igor Maslov / Accedi all'archivio mediaBandiera DPR
Bandiera DPR - Sputnik Italia, 1920, 30.12.2022
Seguici suTelegram
Le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk hanno adottato le loro nuovi costituzioni.
Tutti i 43 deputati presenti hanno votato a favore dell'adozione del progetto. La legge principale ora specifica che la LNR è un soggetto della Federazione Russa. Come ha detto il capo ad interim della regione, Leonid Pasechnik, nel suo discorso al Parlamento, le autorità della Repubblica stanno facendo del loro meglio per completare l'operazione militare speciale il prima possibile.
"Sono sicuro che il sogno più importante che abbiamo oggi, e probabilmente tutti dovrebbero avere, è ovviamente quello di concludere l'operazione militare speciale il prima possibile. Voi ed io stiamo facendo tutto il possibile, probabilmente anche l'impossibile, affinché la pace arrivi finalmente nella nostra terra, e noi raggiungiamo la vittoria e iniziamo a rafforzare ulteriormente il potere e la forza della nostra grande madrepatria Russia. Siamo una squadra, possiamo fare tutto, possiamo affrontare tutto", ha detto.
Nel contempo, anche il parlamento della Repubblica popolare di Donetsk ha votato per l'adozione di una nuova costituzione, secondo quanto riferito da un corrispondente di Sputnik. Il documento è stato adottato in due letture, il progetto è stato sostenuto dai 76 deputati presenti.
"Siamo partecipi di un evento storico. <...> La nuova costituzione stabilisce la priorità dell'educazione familiare dei bambini <...> proprio nella famiglia. L'educazione al patriottismo e alla cittadinanza <...> ci vede combattere per il diritto di vivere secondo le leggi della giustizia e della coscienza" - ha dichiarato il Capo della Repubblica Denis Pushilin.
A settembre si sono tenuti i referendum sull'adesione alla Russia delle repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk e delle regioni di Kherson e Zaporizhzhya. La popolazione delle regioni ha sostenuto l'iniziativa con la maggioranza dei voti.
Il 30 settembre, il Cremlino ha ospitato una cerimonia per la firma degli accordi sull'accettazione delle nuove regioni nel Paese.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала