Fornire alla Moldavia armi della NATO sarebbe una "catastrofe" - vice ministro Esteri russo

© Sputnik . Alexey Vitvitsky / Accedi all'archivio mediaIl segretario generale della NATO Jens Stoltenberg
Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg - Sputnik Italia, 1920, 24.12.2022
Seguici suTelegram
L'intensificazione della cooperazione con la NATO mina la sicurezza della Moldavia e la fornitura di armi occidentali porterebbe solo a conseguenze negative, ha dichiarato a Sputnik il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Galuzin.
"L'aumento della cooperazione tra Kishinev e i paesi della NATO in ambito militare e tecnico-militare è un fattore che non fa che minare maggiormente la sicurezza della Moldavia stessa. Come dimostra l'esperienza, il pompaggio sconsiderato di armi occidentali in un determinato paese o il dispiegamento di contingenti NATO sul suo territorio non ne aumenta affatto la sicurezza o la sovranità, ma, al contrario, lo avvicina al disastro. La triste esperienza dell'Ucraina può essere osservata molto chiaramente dal territorio moldavo, credo", ha detto il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Galuzin.
Dall'inizio dell'operazione speciale russa volta a smilitarizzare e de-nazificare l'Ucraina, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno stanziato aiuti finanziari e militari a Kiev per decine di miliardi di dollari. Mosca ha ripetutamente sottolineato che la consegna di armi all'Ucraina non avrebbe fatto altro che prolungare il conflitto, aggiungendo che qualsiasi equipaggiamento militare straniero e personale in arrivo in Ucraina sarebbe stato considerato un obiettivo legittimo per le forze armate russe.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала