Ipocrisia di UE e USA: RT e la società madre sanzionate per ‘ disinformazione’

© Sputnik . Mikhail VoskresenskiyRT
RT - Sputnik Italia, 1920, 17.12.2022
Seguici suTelegram
L'Unione Europea ha pubblicato giovedì scorso la sua nona serie di sanzioni anti-russe.
L'Unione Europea ha pubblicato giovedì scorso la sua nona serie di sanzioni anti-russe, che, tra le altre cose, comprende divieti sull'esportazione di motori per droni, sugli investimenti nel settore minerario e sull'implementazione dei divieti sulle pubblicità e sui servizi di sondaggio dell'opinione pubblica. Questo nono ciclo di sanzioni dell'Unione Europea ha preso di mira anche RT e la sua società madre Ano TV-Novosti.
Tali sanzioni permettono a Bruxelles di sequestrare i fondi e i beni di coloro che appartengono a RT in Europa avvalendosi delle accuse che la società madre senza scopo di lucro e RT lavorano per "diffondere propaganda e disinformazione".
Il blocco ha inoltre affermato nel suo annuncio che l'organizzazione è considerata "coinvolta nel minare l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina".
Nell'annuncio di giovedì è stata anche descritta la sospensione delle licenze per i media NTV/NTV Mir, Rossiya 1, REN TV e Pervyi Kanal.
"Queste emittenti sono sotto il controllo permanente, diretto o indiretto, della leadership della Federazione Russa e sono state utilizzate da quest'ultima per le sue continue e concertate azioni di disinformazione e propaganda di guerra, che legittimano l'aggressione russa e minano il sostegno all'Ucraina", si legge in una dichiarazione, in cui si sottolinea che la decisione dell'UE è "in linea con la Carta dei Diritti Fondamentali".
George Szamuely, ricercatore senior presso il Global Policy Institute, ha parlato di questo sviluppo con RT, sottolineando che la mossa è una "grande vergogna" e semplicemente il prodotto dell'"ipocrisia dell'UE e degli Stati Uniti".
"Significa che gli europei non potranno ascoltare l'altra parte della storia", ha detto Szamuely a proposito della narrazione occidentale in corso riguardo all'operazione militare speciale della Russia. "Mentre proprio questo è il momento più importante per ascoltare l'altra parte".
"Quello che chiamano disinformazione è un'informazione che non gli piace... è una prospettiva che vogliono negare al pubblico europeo", ha sottolineato, aggiungendo che non crede che i giornalisti occidentali condanneranno la mossa dell'UE perché "sono troppo impegnati a indignarsi per una manciata di giornalisti sospesi da Twitter".
Per quanto riguarda un decimo pacchetto di sanzioni, una fonte ha dichiarato a Sputnik che nessuno Stato membro dell'UE ha avanzato proposte in merito, ma che un futuro pacchetto di sanzioni si concentrerà probabilmente sulla "chiusura delle lacune degli attuali pacchetti di sanzioni".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала