La Polonia rifiuta i piani dell'UE per il 2023 a sostegno di Kiev

Premier Mateusz Morawiecki - Sputnik Italia, 1920, 15.12.2022
Seguici suTelegram
Politico: la Polonia ha rifiutato di sostenere il finanziamento dell'Ucraina a livello di 18 miliardi di euro.
La Polonia ha rifiutato di sostenere il finanziamento dell'UE all'Ucraina nel 2023 al livello di 18 miliardi di euro a causa dell'emissione di aliquote minime dell'imposta sulle società, riferisce Politico, citando i diplomatici dell'UE.
In precedenza, la rappresentanza ceca nell'UE ha riferito che i rappresentanti permanenti dei Paesi dell'UE hanno approvato l'introduzione nell'UE di un'imposta minima del 15% sui profitti delle grandi società.
L'introduzione di un'imposta minima globale tra i Paesi dell'UE è stata contrastata dalla Polonia e successivamente dall'Ungheria, che ha un'imposta sulle società del 9%.
A livello ministeriale, nonostante i disaccordi, è stato raggiunto un accordo sul finanziamento dell'Ucraina nel 2023 a livello di 18 miliardi di euro.
"Forte delusione perché la Polonia mette a repentaglio gli aiuti all'Ucraina bloccando l'aliquota fiscale minima", ha detto alla pubblicazione uno dei diplomatici, che ha descritto quanto stava accadendo come una "presa di ostaggi".
Stando alla pubblicazione, i leader dei Paesi membri del blocco devono approvare un "pacchetto" che includa il sostegno a Kiev, un piano di spesa per l'Ungheria, lo "scongelamento" dei fondi per Budapest e la riforma fiscale.
In caso di veto all'approvazione di uno dei punti, nessuno di essi sarà adottato.
"È come una relazione malsana, continuano a promettere che la prossima volta sarà diverso, ma in fondo sappiamo che saremo feriti ancora e ancora", ha detto un altro diplomatico.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала