Il 13 e 14 dicembre la XIII Conferenza asiatica del forum di discussione "Valdai" a San Pietroburgo

© Sputnik . Anton DenisovЗаседание дискуссионного клуба "Валдай" в Сочи
Заседание дискуссионного клуба Валдай в Сочи - Sputnik Italia, 1920, 08.12.2022
Seguici suTelegram
Il 13 e 14 dicembre avrà luogo a San Pietroburgo, Russia, la XIII Conferenza asiatica del forum di discussione "Valdai". Il tema della conferenza sarà "Russia e Asia nel contesto della formazione di un nuovo ordine internazionale".
Alla conferenza di San Pietroburgo arriveranno i rappresentanti di sei organizzazioni partner del Valdai Club in Asia, provenienti da paesi come Vietnam, India, Kazakistan, Cina, Pakistan e Repubblica di Corea. Alla conferenza parteciperanno anche esperti provenienti da Russia, Indonesia, Kirghizistan, Malesia, Mongolia, Singapore e Svezia. In totale, parteciperanno alla conferenza circa 40 rappresentanti di 13 paesi.
Andrey Rudenko, vice-ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa, è stato invitato alla conferenza come ospite d'onore.
Per anni, la Valdai si è svolti in uno dei paesi della regione Asia-Pacifico, ma, a causa del Covid, negli ultimi due anni si è tenuta a Mosca. Quest'anno la conferenza si terrà invece per la prima volta a San Pietroburgo, dove il Valdai Club si reca ogni anno per partecipare al Forum economico internazionale di San Pietroburgo.
Poiché la cooperazione della Russia con gli stati europei va riducendosi, San Pietroburgo, in quanto importante centro industriale e commerciale, è sempre più coinvolta nel commercio con i partner asiatici. La svolta della Russia verso est, che può essere considerata un fatto compiuto, vale non solo per l'Estremo Oriente, ma anche per la parte europea della Russia, in cui si trova appunto San Pietroburgo.
La conferenza di San Pietroburgo è particolarmente rilevante e opportuna alla luce della correzione della politica estera della Russia. Per ragioni obiettive, lo sviluppo dei legami nella regione Asia-Pacifico è ora una priorità sia per le agenzie governative russe che per le imprese.
Manifesto elettorale del partito di Viktor Orban, Fidesz, per le elezioni parlamentari del 2018 - Sputnik Italia, 1920, 08.12.2022
FT: Ungheria si oppone al nuovo pacchetto sanzioni contro Russia e a raddoppio fondo UE per Ucraina
Negli ultimi nove mesi il fatturato commerciale della Russia con i paesi asiatici è cresciuto in modo significativo, i porti di Vladivostok e Novorossijsk sono diventati i più trafficati della Russia, a causa dell'afflusso di merci asiatiche. A differenza dell'Europa e del Medio Oriente, dove ci sono seri rischi associati alla situazione politico-militare, in Asia non c'è radicalismo religioso, né alleanze militari che potrebbero essere motivo di separazione e di una politica estera in chiave anti-russa.
Il processo di de-globalizzazione, la relativa de-dollarizzazione e la transizione verso accordi in valute nazionali con gli stati asiatici fanno parte di un naturale spostamento del centro di attività e influenza dalla regione Euro-Atlantica a quella dell'Asia-Pacifico e della regione dell'Oceano Indiano. Lo svolgimento dell'Asian Valdai alla fine dell'anno consente di condurre una discussione tenendo conto dei risultati dei principali eventi internazionali che si sono svolti nella regione negli ultimi mesi, ad esempio il vertice del G20 in Indonesia e il vertice APEC in Thailandia.
Nonostante il fatto che durante i preparativi per il G20 l'Indonesia fosse sotto forte pressione da parte degli Stati Uniti, la leadership indonesiana ha assunto una posizione di principio e ha sostenuto la partecipazione libera ed equa di tutti i rappresentanti del G20 al vertice. Su entrambe le piattaforme, la Russia ha dimostrato ancora una volta di rimanere un attore importante nella regione Asia-Pacifico e senza la sua partecipazione è impossibile prendere importanti decisioni internazionali.
Il programma della Valdai di quest'anno è programmato per due giorni e comprenderà l'apertura e cinque sessioni. L'apertura e tre sessioni saranno aperte ai media e al pubblico generale, mentre il resto si svolgerà a porte chiuse.
Le sessiono che si svolgeranno saranno:
"Le dinamiche dell'Asia nel contesto della ristrutturazione dell'ordine internazionale";
"Il futuro dei mercati energetici e alimentari";
"Il potenziale degli accordi di libero scambio in Asia e la partecipazione della Russia";
"Connettività internazionale: cambiare l'esistente e creare nuovi sistemi di trasporto, logistica e finanza";
"Il potenziale conflittuale dell'Asia e le prospettive per la sua riduzione".
Le bandiere dell'UE e degli USA - Sputnik Italia, 1920, 07.12.2022
Gli Stati Uniti hanno preso l'Europa in "ostaggio", dice l'intelligence iraniana
Nel prossimo futuro l'Asia rimarrà una delle aree prioritarie dell'attività economica estera della Russia. Da un lato, tale attenzione all'Asia è dovuta alla rottura dei legami della Russia con l'Occidente e alla necessità di riorientarsi verso nuovi mercati. D'altra parte, il processo di rafforzamento delle relazioni economiche con i paesi della regione è iniziato all'inizio del decennio precedente. All'inizio della pandemia, la quota dei paesi asiatici era già superiore al 45%, con una costante diminuzione della quota dell'Europa.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала