Commissione d'inchiesta: il colombiano che diffondeva fake sull’esercito russo agiva per società USA

© Sputnik . Mikhail Voskresenskiy / Accedi all'archivio mediaAutomobile del Comitato Investigativo della Federazione Russa
Automobile del Comitato Investigativo della Federazione Russa - Sputnik Italia, 1920, 06.12.2022
Seguici suTelegram
Gli investigatori hanno completato l'indagine su un caso penale contro un cittadino colombiano accusato di aver diffuso falsi sulle Forze Armate russe su richiesta di un'azienda statunitense; è inoltre emerso che l'azienda avrebbe simulato l'interferenza russa nelle elezioni statunitensi del 2020, ha dichiarato il Comitato Investigativo russo.
"L'indagine sul caso penale contro Giraldo Sarai Alberto Henrique, cittadino della Repubblica di Colombia, è stata completata. È accusato di aver diffuso informazioni consapevolmente false sulle attività delle Forze Armate russe nell'operazione militare speciale in Ucraina", ha dichiarato il Comitato all'agenzia.
Il Comitato investigativo russo ha sottolineato che il caso è stato aperto sulla base di materiali provenienti dal servizio di controspionaggio del Servizio di sicurezza federale russo.
L'indagine ha concluso che tra il 5 marzo e il 9 aprile il sospetto, che ha un permesso di soggiorno in Russia, ha fornito attrezzatura tecnica e piazzato dei telefoni in uno dei centri commerciali di Mosca, attraverso i quali sono state inviate in remoto, su vasta scala, agli abbonati delle telecomunicazioni russe, notizie false sulle azioni dell'esercito russo in Ucraina. Il Comitato Investigativo ha rilevato che Giraldo ha fatto tutto questo come parte di un gruppo organizzatore e che le sue azioni erano dirette da cittadini stranieri. Inoltre, riceveva denaro per il suo ‘lavoro’. L'uomo è ora in arresto.
"La corrispondenza dell'imputato con altre persone coinvolte nel caso, che sono cittadini di un paese del Sud America, è stata tradotta e indagata. È stato accertato che svolgevano le loro attività nell'interesse di un'organizzazione straniera, Digital Humanity (USA), associata all'Agenzia Statale per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti.
L'agenzia ha aggiunto: "Abbiamo scoperto una catena di finanziamenti per il gruppo criminale, anche attraverso l'uso di criptovalute.
Inoltre, l'indagine ha ottenuto dati sull'utilizzo da parte dello stesso gruppo di persone di "uno schema simile che prevede l'utilizzo di dispositivi mobili con schede SIM di operatori di telecomunicazioni russi al fine di compromettere le elezioni presidenziali statunitensi del 2020 e simulare l'interferenza russa nel processo di tale campagna elettorale", ha dichiarato il Comitato Investigativo.
"Questi fatti sono stati trasmessi per la valutazione degli elementi di reato che violano la sicurezza dello Stato", ha aggiunto l'agenzia.
Il denaro e i beni finanziari digitali sono stati sequestrati e altri individui sono stati inseriti nella lista dei ricercati, conclude il comunicato.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала