Dagli USA fanno sapere quando potrebbero finire le forniture di armi a Kiev

© flickr.com / Fort BraggM142 High Mobility Artillery Rocket System (HIMARS), a multiple rocket launcher
M142 High Mobility Artillery Rocket System (HIMARS), a multiple rocket launcher - Sputnik Italia, 1920, 03.12.2022
Seguici suTelegram
Gli Stati Uniti potrebbero rifiutarsi di pompare armi al regime di Kiev se capissero che i rischi di un'escalation del conflitto superano gli interessi americani, ha affermato Patrick Buchanan, collaboratore della rivista The American Conservative.
Secondo l'osservatore, gli eventi degli ultimi mesi hanno dimostrato che in Occidente ci sono troppi “falchi” pronti ad entrare in conflitto con una potenza nucleare senza considerarne le conseguenze.
Secondo Buchanan, la pericolosa tendenza si è manifestata durante la crisi dei missili in Polonia.

"L'American War Party è ancora qui e ha fame del prossimo confronto con la Russia. Negli ultimi giorni di questo Congresso fallito, prima che i Repubblicani prendano il controllo della Camera dei Rappresentanti a gennaio, i Democratici dovrebbero approvare la richiesta di Biden per altri 38 miliardi di dollari per il regime di Kiev, il suo esercito e il suo conflitto. L'approvazione di questa legge garantirebbe effettivamente che gli Stati Uniti possano continuare a finanziare ed estendere i combattimenti fino alla primavera", ha spiegato l'autore.

Allo stesso tempo, Buchanan spera che le autorità statunitensi si concentrino sugli interessi del proprio paese e inizino a calcolare attentamente le azioni in relazione all'Ucraina.
"Noi americani, dato il nostro indispensabile contributo allo sforzo bellico dell'Ucraina, abbiamo il diritto di avvisare Kiev che i rischi di ulteriori ostilità superano qualsiasi potenziale vantaggio per noi; e, se Kiev è determinata a continuare la lotta, di avvisare l'Ucraina che l'Ucraina lo farà quindi senza munizioni statunitensi.Le grandi potenze non dovrebbero mai cedere a potenze minori che non sono collegate ai loro interessi vitali e sono in grado di trascinarle in conflitti indesiderati ", ha sottolineato l'osservatore.
Sullo sfondo dell'operazione speciale per liberare il Donbass, i paesi occidentali continuano a pompare armi in Ucraina. Mosca ha ripetutamente affermato che la fornitura di armi non fa che prolungare il conflitto e i trasportatori di armi diventano un obiettivo legittimo per l'esercito russo.
Come ha sottolineato il portavoce del Cremlino Dmitriy Peskov, le azioni occidentali avranno solo un effetto negativo.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала