L'Italia ha proposto di privare la Russia della presidenza della commissione UNESCO

© Sputnik . Ирина Калашникова / Accedi all'archivio mediaSede dell'Unesco
Sede dell'Unesco - Sputnik Italia, 1920, 30.11.2022
Seguici suTelegram
Lo ha dichiarato il segretario esecutivo della Commissione della Federazione Russa per l'UNESCO e consigliere del Ministro degli Esteri russo.
L'Italia ha minato il consenso necessario per la sessione del Comitato del patrimonio mondiale dell'UNESCO a Kazan e ha proposto di privare la Russia della sua presidenza. Lo ha dichiarato mercoledì Grigori Ordzhonikidze, segretario esecutivo della Commissione della Federazione Russa per l'UNESCO e consigliere del Ministro degli Esteri russo.
Ordzhonikidze ha spiegato che all'UNESCO tutte le questioni sono decise per consenso. "Il consenso è stato minato dagli italiani, che si sono opposti categoricamente alla sede della sessione nella Federazione Russa e alla presidenza della Federazione Russa. In altre parole, stavano inserendo nel pacchetto due questioni contemporaneamente: privare la Russia della sede e della presidenza", ha detto.
"Se in qualche modo fosse possibile privare la Russia della sede, ma è molto difficile, sarebbe comunque impossibile privare la Russia della presidenza secondo le regole procedurali", ha continuato Ordzhonikidze. Essendo stati eletti dal Comitato del Patrimonio Mondiale, bisognerebbe convocare una sessione straordinaria del Comitato stesso per ottenere un voto a maggioranza per annullare la presidenza russa, e in linea di principio non hanno ottenuto la maggioranza nel Comitato e nel Bureau. Questi temi non sono passati in nessun modo".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала