- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Le autorità di Nova Kakhovka non escludono la conservazione della centrale idroelettrica

© Sputnik / Accedi all'archivio mediaHydroelectric power plant in Novaya Kakhovka in Kherson region
Hydroelectric power plant in Novaya Kakhovka in Kherson region - Sputnik Italia, 1920, 13.11.2022
Seguici suTelegram
A Novaya Kakhovka, la conservazione della centrale idroelettrica non è stata esclusa a causa dei bombardamenti delle truppe ucraine.
I continui attacchi missilistici alla centrale idroelettrica di Kakhovka ci stanno costringendo a pensare alla sua conservazione, ha detto Vladimir Leontiev, capo dell'amministrazione di Novaya Kakhovka.
L'esercito ucraino continua a infliggere intensi attacchi missilistici e di artiglieria alla centrale idroelettrica. Ma, nonostante i danni significativi, la stazione continua a funzionare.
"Ovviamente, in una situazione del genere, sotto tali bombardamenti, l'impianto probabilmente dovrà essere messo fuori servizio", ha detto Leontyev.
Stando alle sue dichiarazioni, non solo la centrale idroelettrica, ma anche Novaya Kakhovka è stata sottoposta a potenti bombardamenti la scorsa notte. Edifici residenziali, edifici comunali, e altre infrastrutture sono state distrutte in città. Il giorno prima, i bombardamenti hanno causato la morte di due civili, altri tre sono rimasti feriti.
Questa settimana, il comandante del gruppo congiunto delle forze russe, Sergey Surovikin, ha affermato che ci sono prove che il regime di Kiev stia preparando un massiccio attacco missilistico contro la diga della centrale idroelettrica di Kakhovskaya.
Ciò può portare a vaste inondazioni e perdite significative tra la popolazione. Sullo sfondo di tale minaccia ea causa dei continui bombardamenti, le autorità della regione di Kherson hanno effettuato l'evacuazione della popolazione dalla riva destra a quella sinistra del Dnepr.
Il 9 novembre, il ministro della Difesa Sergey Shoigu ha ordinato il ritiro delle truppe sulla riva sinistra del fiume Dnpr.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала