‘Affaticamento da sanzione’: l'Ue rallenta con nuove sanzioni alla Russia per mancanza di strumenti

© Sputnik . Алексей Витвицкий / Accedi all'archivio mediaUnione Europea
Unione Europea - Sputnik Italia, 1920, 12.11.2022
Seguici suTelegram
L'Unione Europea introdurrà il nono pacchetto di sanzioni contro la Russia molto più tardi di quanto inizialmente previsto a causa di una sorta di “sindrome da affaticamento da sanzioni” che starebbe colpendo gli Stati membri e per via della limitata quantità di strumenti di pressione, ha detto una fonte dell'UE a Sputnik.
All'inizio della giornata, un alto funzionario dell'Ue ha detto ai giornalisti a Bruxelles che il blocco potrebbe approvare nuove sanzioni contro la Russia entro la fine del 2022.
"C'è già una sorta di affaticamento delle sanzioni tra gli Stati membri, e inoltre non c'è molto da sanzionare, quando si tratta di sanzioni contro la Russia, poiché la maggior parte degli strumenti è stata utilizzata in questo campo", ha affermato la fonte, quando ha chiesto le ragioni del ritardo nell'introduzione di nuove sanzioni contro la Russia.
Gli Stati membri dell'UE discuteranno il nuovo pacchetto di sanzioni "per modellarlo e dargli la struttura finale", ma alla fine gli daranno il via libera "in un modo o nell'altro", ha aggiunto la fonte.
Finora, secondo la fonte, il blocco starebbe valutando la possibilità di vietare l'importazione di diamanti e alcuni tipi di metalli dalla Russia come parte del nono pacchetto, con nuove restrizioni che potrebbero interessare anche la Bielorussia. Le questioni in esame includono anche l'aggiunta di più persone ed entità all'elenco delle sanzioni e misure per chiudere le scappatoie trovate nei pacchetti precedenti, ha affermato la fonte.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала