Il mondo ha bisogno della Russia, a prescindere dal fatto se la "amate o no"

© Il servizio stampa del ministero degli Esteri russo / Accedi all'archivio mediaIl direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite David Beasley
Il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite David Beasley - Sputnik Italia, 1920, 11.11.2022
Seguici suTelegram
Il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite David Beasley ha affermato che il mondo ha bisogno di grano e fertilizzanti russi, a prescindere dall'atteggiamento nei confronti della Federazione Russa.
"Questo accordo è assolutamente necessario. Tutti i paesi devono collaborare su questo problema, tutti i paesi devono svolgere un ruolo. Amate la Russia o no, il mondo ha bisogno di grano e fertilizzanti russi. Altrimenti, il mondo intero dovrà pagarlo", ha detto Beasley a margine del Forum per la pace di Parigi, parlando dell'"accordo alimentare".
A Ginevra sono iniziati i negoziati tra la Federazione Russa e l'ONU sull'accordo sul grano.
Il 22 luglio a Istanbul sono stati firmati accordi multilaterali sulla revoca delle restrizioni alla fornitura di prodotti russi per l'esportazione e sull'assistenza russa all'esportazione di grano ucraino. L'accordo, firmato da rappresentanti di Russia, Turchia, Ucraina e ONU, prevede l'esportazione di grano, cibo e fertilizzanti attraverso il Mar Nero da tre porti, tra cui Odessa.
Il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato all'inizio di settembre che l'Occidente esporta la maggior parte del grano ucraino nei propri stati e non nei paesi bisognosi dell'Africa. Il rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha osservato che parte dell'accordo alimentare relativo all'esportazione di cibo e fertilizzanti russi non sta funzionando. Per questo, secondo lui, la risoluzione del contratto non è esclusa. Il contratto scade il 19 novembre. La ripresa della partecipazione della Russia all'accordo sul grano non significa che sia stato prorogato, il suo periodo di validità non è ancora scaduto, ha affermato il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.
Secondo gli esperti, 45 paesi africani più poveri e molti altri paesi in via di sviluppo importano grano principalmente dall'Ucraina e dalla Russia. Le Nazioni Unite temono che, a causa della crisi ucraina, i prezzi dei generi alimentari potessero aumentare del 20%.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала