La Turchia ha spiegato perché l'obiettivo dell'accordo sul grano non è stato raggiunto

© Sputnik / Accedi all'archivio mediaGrano, raccolto Russia
Grano, raccolto Russia - Sputnik Italia, 1920, 07.11.2022
Seguici suTelegram
L'obiettivo dell'accordo sul grano non è stato raggiunto a causa dell'avidità dell'Occidente: il grano va ai paesi ricchi, non a quelli che soffrono la fame, ha affermato il capo dell'Ufficio degli agricoltori del Partito della madrepatria turca, professore all'Università dell'Egeo a Smirne, Cengiz Çakır.
Il 30 ottobre, la Russia ha annunciato la sospensione della partecipazione all'esportazione di prodotti dai porti dell'Ucraina dopo l'attacco terroristico di Kiev alle navi della flotta del Mar Nero e alle navi civili nelle acque di Sebastopoli.
Successivamente, il ministero della Difesa russo ha annunciato che la Russia stava riprendendo la partecipazione all'accordo alimentare. Secondo il Cremlino, l'informazione che Kiev ha assicurato che non avrebbe utilizzato i corridoi umanitari per l'accordo sul grano per scopi militari è stata ricevuta tramite il ministero della Difesa russo.
"È chiaro che il grano non sta raggiungendo la destinazione prevista. Lo affermano anche molti funzionari. Il grano è andato nei paesi europei, dove c'è più denaro, e viene immagazzinato lì nei magazzini. Ma il grano non va a paesi che soffrono la fame. In riferimento a questo l’accordo è stato disatteso.
Secondo i dati dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, più di 50 paesi del Nord Africa, dell'Asia occidentale e centrale hanno bisogno di grano e del suo trasporto attraverso il Mar Nero. Questi sono tutti paesi poveri che soffrono per la carenza di cibo. Alcuni di loro, come il Libano e lo Yemen, dipendono per l'80-100% da questo grano", ha affermato Çakır al quotidiano Aydınlık.
Secondo questi, "la fonte del problema non è la carenza di grano, ma l'avidità dell'Occidente e delle grandi corporazioni europee, che prendono tutto il grano per sé e lasciano il surplus nei loro magazzini".
"Come può l'Occidente, che parla costantemente di diritti umani, agire così senza scrupoli quando milioni di persone nel mondo aspettano il grano? Il grano che viene utilizzato per gli animali in Europa sarebbe sufficiente per le persone in altre parti del mondo. Dove è l'Europa di Danton, la Francia di Robespierre, che è stata un esempio per il mondo intero? Vediamo che gli Stati con grandi successi nella loro storia non sono in grado di sviluppare una politica diversa dall'essere prigionieri degli Stati Uniti. Lo stesso si può dire della Germania. Inoltre, questi sabotaggi danneggiano la loro stessa economia. La dipendenza dell'Europa dagli Stati Uniti non solo li mette in una posizione umiliante, ma li costringe anche a sabotare la loro stessa economia", ha sottolineato.
Il 22 luglio a Istanbul sono stati firmati accordi multilaterali sulla revoca delle restrizioni alla fornitura di prodotti russi per l'esportazione e sull'assistenza russa all'esportazione di grano ucraino. L'accordo, firmato da rappresentanti di Russia, Turchia, Ucraina e ONU, prevede l'esportazione di grano, cibo e fertilizzanti attraverso il Mar Nero da tre porti, tra cui Odessa.
Il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato all'inizio di settembre che l'Occidente esporta la maggior parte del grano ucraino nei propri stati e non nei paesi bisognosi dell'Africa. Il rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha osservato che parte dell'accordo alimentare relativo all'esportazione di cibo e fertilizzanti russi non sta funzionando. Per questo, secondo lui, la risoluzione del contratto non è esclusa. Il contratto scade il 19 novembre. La ripresa della partecipazione della Russia all'accordo sul grano non significa che sia stato prorogato, il suo periodo di validità non è ancora scaduto, ha affermato il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала