Il ministro degli esteri tedesco dice che il mondo è sul ciglio di un abisso

© Sputnik . Алексей Майшев / Accedi all'archivio mediaAnnalena Baerbock, ministro degli Esteri della Germania
Annalena Baerbock, ministro degli Esteri della Germania - Sputnik Italia, 1920, 06.11.2022
Seguici suTelegram
Il surriscaldamento climatico di due gradi e mezzo o più significherà che l'umanità cadrà nell'abisso, ha affermato il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock, riferisce il Welt.
"L'umanità si sta dirigendo verso un precipizio, verso un riscaldamento di oltre 2,5 gradi, che avrà un effetto devastante sulla nostra vita sull'unico pianeta che abbiamo", ha detto il ministro degli Esteri tedesco alla vigilia della Conferenza mondiale sul clima.
Secondo la Baerbock, il mondo può limitare la crisi climatica mantenendo il riscaldamento di un grado e mezzo e crede che l'umanità abbia tutti gli strumenti per farlo.
Gli scienziati emettono regolarmente avvisi sui pericoli del surriscaldamento globale. Per frenare il processo, nel 2015 più di 190 paesi hanno firmato l'accordo di Parigi sul clima, che mira a ridurre le emissioni, all'aggiornamento tecnologico e all'adattamento ai cambiamenti in corso. È previsto anche l'aumento delle fonti di energia rinnovabile.
Bandiere Cina USA - Sputnik Italia, 1920, 06.11.2022
La Cina sta "superando drasticamente" gli Stati Uniti, avverte il Pentagono
I paesi occidentali, compresa la Germania, devono far fronte all'aumento dei prezzi dell'energia e all'impennata dell'inflazione a causa dell'imposizione di sanzioni contro Mosca e della politica di abbandono del carburante russo. A causa dell'aumento del prezzo del carburante, principalmente del gas, l'industria occidentale ha ampiamente perso i suoi vantaggi competitivi, il che ha colpito anche altri settori dell'economia.
La Germania, che in precedenza aveva annunciato una politica di abbandono delle centrali nucleari e delle centrali a carbone, è costretta a cercare una soluzione al problema della carenza di energia, compreso l'abbandono degli obiettivi precedentemente annunciati per la "transizione verde". Pertanto, il governo sta discutendo l'opzione di estendere l'esercizio delle restanti tre centrali nucleari, è ripreso il funzionamento delle centrali termoelettriche a carbone e si sta valutando anche la possibilità di estrarre gas di scisto con il metodo proibito del fracking.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала