- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Putin dice che lo scontro con i neonazisti era inevitabile

© Sputnik . Alexey Danichev / Accedi all'archivio mediaRussian President Vladimir Putin
Russian President Vladimir Putin  - Sputnik Italia, 1920, 04.11.2022
Seguici suTelegram
Il presidente russo Vladimir Putin: lo scontro con i neonazisti era inevitabile, la situazione è diventata "questione di vita o morte" per la Russia.
"Uno scontro con il regime neonazista in Ucraina era inevitabile", ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in un incontro per celebrare il decennio del ristabilimento delle Società storiche e storico-militari russe.

"Se non avessimo intrapreso le azioni appropriate a febbraio, tutto sarebbe stato lo stesso, solo da una posizione peggiore per noi. La situazione in Ucraina è stata portata dai suoi cosiddetti amici ad un punto tale, che è diventata 'mortale' per la Russia e suicida per lo stesso popolo ucraino. E lo vediamo anche dalla natura delle ostilità: è semplicemente incredibile quello che sta succedendo lì, in generale, come se gli ucraini non esistessero, vengono semplicemente gettati in una fornace", ha dichiarato il presidente.

Allo stesso tempo, la Russia ha sempre trattato l'Ucraina e il suo popolo con rispetto e calore, ed è così che è ora, nonostante l'attuale tragico confronto, ha detto Putin.
Il presidente ha ammesso che gli eventi che si svolgono in Ucraina sono difficili e aspri, perché, di fatto, lo scontro si svolge all'interno di un popolo. La stessa cosa è successa dopo gli sconvolgimenti del 1917, quando le persone sono state sminuite e le potenze straniere hanno ottenuto benefici sulle tragedie del popolo, ha aggiunto il presidente.
"Hanno perseguito i propri interessi, indebolito e fatto a pezzi la Russia storica. E oggi, fornendo costantemente armi all'Ucraina, trasferendo mercenari lì, sono assolutamente spietati nei confronti dei suoi cittadini. A loro spese, portano avanti i loro obiettivi geopolitici, che non hanno nulla a che fare con gli interessi del popolo ucraino. Mirano a indebolire, disintegrare, distruggere la Russia", ha detto il presidente.
Secondo Putin, è proprio questo il fulcro degli eventi che stanno avvenendo ora in Ucraina.
"Non permetteremo mai che ciò accada. Difenderemo la nostra patria proprio come i nostri eroici antenati", ha concluso il capo dello Stato.
La Russia sta conducendo un'operazione militare speciale in Ucraina dal 24 febbraio.
Secondo il presidente, l'obiettivo finale dell'operazione è la liberazione del Donbass e la creazione di condizioni che garantiscano la sicurezza della stessa Russia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала