Ministero Difesa russo: funzionari della Royal Navy britannica coinvolti nell’attacco al Nord Stream

© Foto : Royal Navy/twitterHMS Mersey e un sottomarino russo in superficie
HMS Mersey e un sottomarino russo in superficie - Sputnik Italia, 1920, 29.10.2022
Seguici suTelegram
Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che i funzionari della Royal Navy britannica hanno preso parte alla pianificazione e all'attuazione dell’attacco terroristico alla rete Nord Stream nel Mar Baltico il 26 settembre.

"Secondo i dati ottenuti, i rappresentanti della Marina britannica hanno preso parte alla pianificazione, organizzazione e realizzazione dell'atto terroristico nel Mar Baltico il 26 settembre 2022 per far saltare in aria i gasdotti Nord Stream e Nord Stream 2", ha detto oggi, sabato 29 ottobre, il Ministero della Difesa.

Alla fine di settembre, sospette esplosioni si erano verificate in tre delle quattro stringhe dei gasdotti sottomarini Nord Stream 1 e 2, costruiti per trasportare un totale di 110 miliardi di metri cubi annui di gas russo in Europa sotto il Mar Baltico. L'attentato ha interrotto le consegne di gas alla Germania prima della stagione fredda, provocando un aumento del prezzo del gas e una corsa alla ricerca di fonti alternative di carburante nell'Unione Europea.
Le autorità svedesi e danesi sospettano che l'incidente sia stato il risultato di un sabotaggio, con entrambi i paesi che hanno impedito alla Russia di indagare sull'attacco.
L'ufficio del procuratore generale russo ha classificato le esplosioni dell'oleodotto come atti di terrorismo internazionale. Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, le indagini sugli attentati terroristici possono essere considerate affidabili e obiettive solo se Mosca prenderà parte all'indagine.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала