- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Parla il comandante dell'operazione militare speciale russa in Ucraina

© Sputnik . Sergey GuneevSurovikin
Surovikin - Sputnik Italia, 1920, 18.10.2022
Seguici suTelegram
Secondo il generale Sergey Surovikin, la situazione nella zona operativa dell'operazione speciale resta tesa.
Russi e ucraini sono un unico popolo e Mosca cerca solo una cosa in Ucraina: che il Paese si liberi dalla morsa dell'Occidente e della Nato e diventi un governo amichevole, ha affermato il generale Sergey Surovikin, recentemente nominato comandante di tutte le forze russe in Ucraina.
"Il nemico è il regime criminale che spinge a morte i cittadini ucraini. Noi e gli ucraini siamo un unico popolo e vogliamo la stessa cosa: che l'Ucraina sia indipendente dall'Occidente e dalla Nato e uno Stato amico della Russia", ha detto Surovikin, parlando con giornalisti oggi.
Commentando le recenti operazioni offensive di Kiev in direzione di Kherson, il comandante ha accusato i burattinai atlantisti di Kiev di ignorare le pesanti perdite di vite tra l'esercito ucraino e i civili.
"La leadership della Nato è responsabile delle forze armate ucraine e richiede da tempo operazioni offensive nella direzione di Kherson dal regime di Kiev, senza alcun riguardo per le vittime, sia tra le forze armate ucraine che tra la popolazione civile", ha affermato Surovikin.
Definendo "tesa" l'attuale situazione nella zona di conflitto, il comandante ha detto ai giornalisti che il nemico continua ad attaccare le posizioni russe attraverso il fronte di Kharkov, Donetsk e nelle direzione meridionale di Nikolaev-Krivy Rog.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала