La Danimarca deve rafforzare la sua presenza nella regione Baltica

© AP Photo / Geoffroy van der Hasselt / Pool Прибытие премьер-министра Дании Метте Фредериксен на саммит ЕС в Брюссель
Прибытие премьер-министра Дании Метте Фредериксен на саммит ЕС в Брюссель - Sputnik Italia, 1920, 15.10.2022
Seguici suTelegram
Lo ha sostenuto la premier Mette Frederiksen.
La Danimarca ha bisogno di rafforzare la sua presenza nella regione del Mar Baltico dopo gli attacchi a Nord Stream e Nord Stream 2, ha affermato la premier Mette Frederiksen.
Gli attacchi contro i due gasdotti russi d'esportazione verso l'Europa Nord Stream e Nord Stream 2 sono avvenuti lo scorso 26 settembre. Germania, Danimarca e Svezia non escludono sabotaggi mirati. L'operatore Nord Stream Nord Stream AG ha riferito che la situazione venuta a crearsi era inedita ed era impossibile stimare i tempi delle riparazioni. La Procura Generale della Federazione Russa ha avviato un procedimento per atto di terrorismo internazionale dopo il danneggiamento dei gasdotti Nord Stream.
"Il Mar Baltico sta acquisendo sempre più importanza quando si parla di politica di difesa e sicurezza. Pertanto, il governo considera e richiama l'attenzione dei partiti del Parlamento danese sul fatto che nel futuro debba essere prestata molta attenzione alla regolarizzazione sulla difesa del Mar Baltico... Abbiamo bisogno di saperne di più su ciò che sta accadendo nella regione del Mar Baltico. Pertanto, le raccomandazioni del governo saranno di rafforzare il monitoraggio e la presenza in mare e oltre il mare", ha affermato la radio danese riferendosi alle parole della premier.
Come notato dalla radio danese, tale esigenza è sorta dopo i recenti attacchi terroristici al Nord Stream.
La Reuters ha riferito che la Svezia sta collaborando con Germania e Danimarca nel quadro dell'indagine Nord Stream.
In precedenza il ministro degli Esteri danese Jeppe Kofod ha annunciato la determinazione del governo a rifiutare la partecipazione della Russia alle indagini sul sabotaggio e l'identificazione dei responsabili.
Come affermato dalla portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, solo se la Russia sarà coinvolta nelle indagini sugli attentati terroristici i risultati dell'inchiesta possono essere considerati affidabili e obiettivi.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала