FT, Il premier slovacco avverte che la crisi energetica rischia di 'uccidere l'economia'

© Sputnik . Maksim Bogovid / Accedi all'archivio mediaEstrattore di petrolio
Estrattore di petrolio - Sputnik Italia, 1920, 29.09.2022
Seguici suTelegram
Sebbene la Slovacchia sia un importante produttore di energia nucleare e idroelettrica, all'inizio dell'anno il suo principale fornitore ha deciso di vendere l'energia in eccesso ai commercianti.
Il primo ministro slovacco ha dichiarato che l'impennata dei costi dell'elettricità ha lasciato l'economia a rischio di "collasso", nei commenti più crudi mai espressi da un leader dell'UE sugli effetti della crisi energetica globale. Eduard Heger ha dichiarato che l'enorme aumento dei prezzi dopo l'inizio del conflitto in Ucraina ucciderà la nostra economia" a meno che la Slovacchia non riceva miliardi di euro di sostegno da Bruxelles, e ha avvertito che sarà costretto a nazionalizzare le forniture di energia elettrica se questo non avverrà.
Sebbene la Slovacchia sia un importante produttore di energia nucleare e idroelettrica, all'inizio dell'anno il suo principale fornitore ha deciso di vendere l'energia in eccesso ai commercianti. Questi ultimi stanno ora rivendendo i contratti alla Slovacchia a prezzi circa cinque volte superiori.
"Gli slovacchi stanno comprando a 500 euro ciò che hanno venduto a 100 euro", ha detto Heger, aggiungendo che per questo motivo il piano della Commissione europea per una tassa di 140 miliardi di euro sui produttori di energia elettrica nel blocco non funzionerebbe in Slovacchia.
"Se vogliamo avere un'imposta a pioggia, deve essere europea", ha sottolineato. Il suo avvertimento sottolinea le enormi conseguenze della stretta di Mosca sulle forniture di gas in risposta alle sanzioni dell'UE per la guerra in Ucraina, che ha portato i prezzi dell'elettricità a livelli record quest'estate.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала