Attacchi contro Nord Stream: cui prodest?

© Foto : Swedish Coast GuardGas leak location on Nord Stream 2
Gas leak location on Nord Stream 2  - Sputnik Italia, 1920, 29.09.2022
Seguici suTelegram
Secondo il politologo Georgy Bovt, l'attacco di sabotaggio contro l'importante gasdotto russo porta vantaggi all'Ucraina e non solo.
"Se parliamo di chi ne trae vantaggio, allora emerge subito tutta una serie di tesi, ormai tabù in Europa. Perché esclusivamente in via teorica, è vantaggioso, ad esempio, per l'Ucraina, attraverso cui vengono ancora mantenute le forniture di gas in Europa dopo che ha più volte espresso insoddisfazione per il fatto che la Germania abbia mantenuto relazioni economiche con la Russia per le importazioni di gas, ma, ovviamente, nessuno ora oserà puntare il dito contro l'Ucraina.
Anche in questo caso, in teoria, il sabotaggio è vantaggioso per i polacchi, che hanno smesso di acquistare gas da Gazprom e hanno iniziato a comprarlo dai norvegesi, che di recente hanno lanciato Baltic Pipe. Il gasdotto è stato definito un'alternativa al Nord Stream. I polacchi hanno anche criticato Berlino per aver mantenuto i legami economici con Mosca. Approfittare del fatto che "Nord Stream" è fuoriuso, può dar benefici agli stessi norvegesi, che ora sono usciti in testa in termini di forniture di gas all'UE, aggirando "Gazprom". La distruzione del gasdotto, in teoria, toglie dalle mani di Mosca l'asso nella manica di cui l'Europa l'accusa di abusare: si dice che c'è il ricatto del gas. Ma ora, dal momento che non c'è il gasdotto, non c'è ricatto. La questione è chiusa."
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала