Zelensky ammette: Kiev non è stata ancora in grado di soddisfare tutte le raccomandazioni della CE

© Sputnik . StringerIl presidente ucraino Zelensky
Il presidente ucraino Zelensky - Sputnik Italia, 1920, 28.09.2022
Seguici suTelegram
Sebbene l'Ucraina abbia adottato tutta una serie di misure per adeguarsi alle linee guida dell'UE, per stessa ammissione del presidente Zelensky non è stata ancora attuata la riforma della giustizia, da 30 anni a questa parte.
L'Ucraina ha adottato tutte le leggi anticorruzione dalle raccomandazioni della Commissione europea, ma la riforma del sistema giudiziario non è stata attuata, da 30 anni a questa parte, ha affermato Vladimir Zelensky durante una conversazione con studenti e insegnanti all'università di Harvard.

In precedenza, la Commissione europea, nelle sue raccomandazioni per concedere all'Ucraina lo status di candidato all'UE, aveva stabilito le condizioni in base alle quali devono essere soddisfatti sette requisiti per non perdere lo stesso status. La riforma giudiziaria è la più complessa tra le condizioni dell'UE: il governo ucraino deve riformare la Corte costituzionale, completare i cambiamenti nell'Alto Consiglio di Giustizia e nella Commissione dei giudici per le alte qualifiche, continuando la lotta contro la corruzione.

"Oggi è stata adottata tutta la normativa anticorruzione. Sono state adottate assolutamente tutte le leggi che servivano. Ci sono ancora indicazioni sulla riforma giudiziaria, ma per quanto riguarda l'anticorruzione tutto funziona. Quanto al tribunale, dobbiamo tutti lavorare sodo per completare la riforma giudiziaria, che da 30 anni è impossibile portare a termine", ha detto Zelensky in un video sul suo canale Telegram.

In precedenza, il primo vicepresidente della Verkhovna Rada dell'Ucraina Aleksandr Korniyenko aveva affermato che entro metà novembre il parlamento avrebbe adottato tutti i progetti di legge necessari per avviare i negoziati sull'adesione dell'Ucraina all'Unione europea.
Referendum sull'annessione del Donbass alla Russia in un seggio della rappresentanza diplomatica DNR di Mosca - Sputnik Italia, 1920, 28.09.2022
La situazione in Ucraina
Osservatori dall'Italia: i referendum nella regione di Mosca si sono svolti in modo trasparente
Zelensky il 28 febbraio, ha firmato una domanda di adesione dell'Ucraina all'Unione europea. I capi di Stato e di governo dell'Unione europea al vertice di Bruxelles del 23 giugno hanno approvato la concessione dello status di candidati all'adesione all'Ucraina e alla Moldavia. Per avviare i negoziati di adesione, i Paesi devono soddisfare una serie di condizioni, comprese le riforme.
L'ottenimento dello status di candidato è solo l'inizio di un percorso abbastanza lungo per entrare nell'UE. La Turchia è candidata dal 1999, la Macedonia del Nord dal 2005, il Montenegro dal 2010 e la Serbia dal 2012. La Croazia è stato l'ultimo Paese ad entrare nell'UE nel 2013, con un processo decennale.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала