L'Armenia si è rivolta alla Russia per la situazione al confine con l'Azerbaigian - TV armena

© Sputnik . Viktor Tolochko / Accedi all'archivio mediaArmenian Prime Minister Nikol Pashinyan (File)
Armenian Prime Minister Nikol Pashinyan (File) - Sputnik Italia, 1920, 13.09.2022
Seguici suTelegram
Il Gabinetto dei Ministri dell'Armenia si è già rivolto alla Russia, alla CSTO e al Consiglio di Sicurezza dell'Onu a causa dell'aggravarsi della situazione al confine con l'Azerbaigian, riporta la televisione pubblica del Paese.
"Il Gabinetto ha detto a Novosti (programma televisivo) che in relazione all'aggressione al territorio dell'Armenia, il governo ha già fatto appello alla Federazione russa, al Consiglio di sicurezza dell'Onu e alla Csto", si legge nel rapporto.
In precedenza, Yerevan ha affermato che l'esercito azerbaigiano ha bombardato il territorio dell'Armenia utilizzando artiglieria e droni, e ha anche intrapreso "azioni per far avanzare posizioni in alcune aree. Di conseguenza, ci sono morti e feriti dalla parte armena, il loro numero è in corso di definizione.
Baku ha confermato che l'esercito armeno ha sparato contro le posizioni delle truppe azere al confine, in seguito a uno scontro. Anche il Ministero della Difesa dell'Azerbaigian ha accusato perdite nei suoi ranghi.
Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha discusso la situazione al confine in conversazioni telefoniche con i presidenti russo e francese Vladimir Putin ed Emmanuel Macron, nonché con il segretario di Stato americano Anthony Blinken.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала