La Germania potrebbe perdere l'intero sistema industriale

© AFP 2022 / DPA/ JAN WOITASIndustria automobilstica
Industria automobilstica - Sputnik Italia, 1920, 12.09.2022
Seguici suTelegram
Secondo The Economist, la crisi del gas mette la Germania a rischio di deindustrializzazione.
La Germania rischia di rimanere senza un sistema industriale, a causa della grave crisi energetica in atto. Ne è sicuro l'autore di un articolo uscito sulla rivista britannica The Economist.
Secondo la pubblicazione, l'industria tedesca negli ultimi anni ha fatto affidamento sull'energia a basso costo proveniente dalla Russia e sulla possibilità di commercializzare i suoi prodotti sui mercati cinesi. A causa delle sanzioni, nonché della recessione dell'economia cinese, la Germania si trova ora ad affrontare una prova generale del proprio sistema industriale.
Il parlamento dell'Ungheria, Budapest - Sputnik Italia, 1920, 11.09.2022
Ufficio del Primo Ministro ungherese: le sanzioni sono una sorta di autolesionismo dell'UE
Riferendosi al capo dell'Associazione dell'industria tedesca BDI Siegfried Russwurm, i giornalisti hanno dichiarato che la produzione in Germania rischia di scomparire:

"La situazione sembra 'tossica' per molte aziende. E attraverso le catene di approvvigionamento globali questo 'veleno' potrebbe diffondersi nel resto del mondo industrializzato, che è fortemente dipendente dai produttori tedeschi. Il problema più grande per l'industria tedesca è l'aumento dei costi dell'energia. Il prezzo dell'elettricità per il prossimo anno è già cresciuto di 15 volte e il prezzo del gas di 10", continuano da The Economist.

Le imprese più piccole sono state colpite più duramente dalla crisi energetica: quasi un quarto delle aziende con meno di 1.000 dipendenti ha annullato o rifiutato ordini di produzione, con particolare accento al settore della produzione del pane.

"In un paese con oltre 3.000 varietà di pane, circa 10.000 produttori stanno lottando come mai prima nella Germania del dopoguerra. Hanno bisogno di elettricità e gas per riscaldare i loro forni e far funzionare le loro impastatrici".

ArcelorMittal, colosso siderurgico tedesco, ha annunciato l'intenzione di chiudere 2 stabilimenti nel Nord della Germania e di mettere in congedo i dipendenti. Stickstoffwerke Piesteritz, il più grande produttore tedesco di ammoniaca, ha chiuso i propri impianti di ammoniaca in Sassonia-Anhalt.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала