Vaticano, oggi la beatificazione di Papa Luciani

© AP PhotoGiovanni Paolo I
Giovanni Paolo I - Sputnik Italia, 1920, 04.09.2022
Seguici suTelegram
Prenderà il via tra poche ore la cerimonia per la beatificazione del "Papa dei 33 giorni", Papa Giovanni Paolo I, nato Albino Luciani. Il suo pontificato è stato il più breve dell'intera storia della Chiesa Cattolica, ma ha lasciato segni evidenti, compiendo opere che lo hanno portato ad essere oggi proclamato santo.
Inizierà oggi in Vaticano, tra poche ore, la cerimonia per la beatificazione di Papa Luciani, a 44 anni dalla sua morte, avvenuta nelle stanze dei suoi appartamenti presso la Santa Sede, il 28 settembre 1978, a Roma.
Luciani fu trovato nel proprio letto da suor Margherita Marin, che sarà presente oggi alla cerimonia.
Sulle circostanze della sua morte, la stampa internazionale e negli anni tantissime voci avevano ricamato suggestioni di un presunto avvelenamento del Pontefice, nonché della presenza di "registi occulti" dietro questa morte illustre.
Voci che tuttavia la Santa Sede ha da sempre smentito, e che come sottolinea la vice-postulatrice, presente anch'essa alla cerimonia odierna, Stefania Falasca, hanno costituito quello che altro non è, se non "una bugia storica, perdurata per molto tempo".
Alla cerimonia di oggi, presieduta da Papa Francesco Bergoglio, tra i tanti partecipanti, il postulatore, colui che ha esaminato scrupolosamente il fascicolo di papa Luciani per giungere alla proclamazione odierna, il cardinale Stella, la nipote Lina Petri e tanti altri.
Definito "uno dei Papi più geniali del '900", Luciani, come racconta la nipote Lina, si distinse per aver aiutato gli ebrei all'epoca della seconda guerra mondiale, per aver acconsentito "senza indugio" ai funerali di Pier Paolo Pasolini e tanti altri.

La ricerca "scrupolosa" per decidere la beatificazione

Il processo alla base della beatificazione è un processo lungo. Ne parla a Vatican News lo stesso postulatore, il cardinale Stella, che ha dichiarato in proposito:
"La causa di Papa Luciani non è stata né più lunga di altre, né più breve e agevolata di altre. È stata una ricerca senza sconti: accurata, coscienziosa, scrupolosa, condotta con metodo storico-critico, sulla base di una seria investigazione delle fonti archivistiche, di una mirata ricerca bibliografica e di un ricco panorama testimoniale”.
Il lavoro di ricerca è durato diversi anni, e ha portato alla cerimonia di oggi, a 44 anni dalla morte del Pontefice.
Vaticano, piazza San Pietro - Sputnik Italia, 1920, 24.12.2021
Papa Luciani verrà beatificato il 4 settembre 2022, data ufficiale
Ha avuto impulso dalla Chiesa brasiliana, con contributi di quella argentina, e con un "incedere lento" volto ad accertare ogni particolare e la veridicità circa le affermazioni su questa figura storica. Raccolta una mole impressionante di documenti presso la Fondazione Vaticana, con particolare attenzione alla storiografia delle fonti.
Alla base della beatificazione di Luciani tra le altre cose l'importante episodio di Candela Giarda, la giovane argentina affetta da epilessia refrattaria maligna, cui la miracolosa guarigione si deve, stando alle testimonianze della madre della stessa e di padre Juan José Dabusti, alle preghiere rivolte allora a papa Luciani.

"La causa di canonizzazione ha quindi reso un servizio alla verità storica, acquisendo tutta la documentazione (...) soprattutto ricostruire con completezza un itinerario di cui il pontificato è stata la punta di un iceberg”, ha dichiarato in merito la Falasca, citata da Vatican News.

Luciani era partito da un piccolo paesino veneto, Canale D'Agordo, per arrivare al seggio pontificio.
Nell’archivio della Fondazione che copre un arco di tempo dal 1929 al 1978 sono state recuperate agende, appunti, trascrizioni.
Proprio da questo enorme archivio è stata tratta la reliquia che sarà presentata oggi al Papa: "non un frammento di osso o una parte del corpo come sempre avvenuto, ma una carta, un foglio bianco, di appena una decina di centimetri, in cui il Papa riportava uno schema per la riflessione spirituale sulle tre virtù teologali, prima volta assoluta nella storia della Chiesa Vaticana", riferisce la Vice-postulatrice, Stefania Falasca, che così commenta il dato, come citato ancora da Vatican News:
"È l’emblema di quello che è tutta la sua spiritualità e la sua ricerca delle 'sette lampade di santificazione' (...) il programma del suo pontificato”.
Oggi alla cerimonia verrà infine svelato il ritratto al pontefice dell'artista cinese Yan Zhang.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала