Trump tiene il suo primo raduno dal blitz di Mar-a-Lago, chiamando Biden "nemico dello Stato"

© AP Photo / Ross D. FranklinDonald Trump
Donald Trump - Sputnik Italia, 1920, 04.09.2022
Seguici suTelegram
Donald Trump è tornato a immergersi tra i suoi sostenitori a una manifestazione di Wilkes-Barre, in Pennsylvania. L'ex presidente ha tenuto la sua prima manifestazione dal raid dell'FBI del mese scorso nella sua residenza di Mar-a-Lago per sostenere i candidati del GOP per lo stato.
L'ex presidente Donald Trump è tornato sabato sera sul palco per sostenere i candidati del GOP (il partito repubblicano) Doug Mastriano, candidato alla carica di governatore, e il dottor Mehmet Oz, candidato alla carica al Senato.
Prima di invitare uno dei candidati sul palco, Trump si è fatto elogio dei suoi successi come presidente, ha ribadito la "grande bugia" secondo cui le elezioni del 2020 sono state truccate, ha attaccato figure potenti sia negli Stati Uniti che all'estero tra cui Biden, ha criticato i media.
Donald Trump ha proseguito i suoi attacchi definendo Mark Zuckerberg, il creatore di Facebook* e CEO di Meta*, uno "strano", prima di passare ai repubblicani del Senato, incluso Mitch McConnell, e 'tartassarli' per non aver "permesso" a Trump di rimanere presidente dopo aver perso le elezioni presidenziali del 2020, e a Biden, aggiungendo che “molti repubblicani” dovrebbero “vergognarsi” di sé stessi per la presunta slealtà.
"E un ragazzo come Mitch McConnell, che ha permesso che questo [sic] accadesse, dovrebbe essere disprezzato, dovrebbe essere disprezzato", ha detto Trump durante la sua manifestazione a Wilkes-Barre, in Pennsylvania.
"Le elezioni del 2020 sono state truccate e vendute e ora il nostro Paese viene distrutto da persone che sono entrate in carica con imbrogli e frodi".
"Ora guarda", ha aggiunto Trump, che ha attaccato i media in precedenza nel suo discorso di sabato sera, "le telecamere si spegneranno tutte non appena lo dico, non vogliono sentirlo."
Trump ha quindi dichiarato la propria approvazione per Doug Mastriano come "un repubblicano che combatte sia i repubblicani che i democratici".
L'ex POTUS ha riportato il suo discorso sulle ricerche dell'FBI nella sua residenza di Mar-a-Lago, sostenendo che si trattava di una "distrazione" dal lavoro di Biden come presidente, e ha attaccato l'attuale in carica sull'inflazione e sulle politiche ecologiche, come le auto elettriche.
Ha poi ricordato i suoi avvertimenti alla Germania "di non concludere un accordo con la Russia sul gasdotto NordStream-2 del Mar Baltico", avvertimenti dati in occasione di un vertice della NATO a Bruxelles nel 2018, e ha poi dato seguito all'argomento in un attacco alla decisione di Biden di porre fine al Keystone Gasdotto XL (KXL) a causa di rischi per la salute e la sicurezza, nonché gravi danni ambientali.
Trump ha anche spacciato una recente teoria del complotto secondo cui gli agenti dell'Internal Revenue Service (IRS) si stanno armando di pistole e attaccheranno gli americani di tutti i giorni. La cospirazione è stata respinta dall'agenzia e ritenuta falsa.
Nell'osservazione più esplosiva del suo discorso, Trump ha anche definito Biden un "nemico dello stato" in seguito all'attacco di Biden a Trump e "i suoi compagni repubblicani" secondo cui gli stessi seguirebbero una filosofia "semifascista" che minaccia la democrazia americana.
* Meta (Facebook) è riconosciuta come un'organizzazione estremista e bandita in Russia
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала