I ministri del G7 introducono tetto al prezzo del petrolio russo

© Sputnik . Vladimir Vyatkin / Accedi all'archivio mediaPetrolio
Petrolio - Sputnik Italia, 1920, 02.09.2022
Seguici suTelegram
Raggiunto l'accordo sull'imposizione di un massimale al prezzo del petrolio, tenendo conto delle sanzioni nei confronti della Russia già in vigore, e con un invito ai Paesi produttori per un incremento di produzione al fine di ridurre la volatilità dei mercati dell'energia.
I ministri delle Finanze del G7 hanno deciso all'unanimità di introdurre prezzi limite per le forniture di petrolio dalla Russia, come riporta il sito web del ministero delle finanze tedesco.
"I ministri delle finanze del G7 hanno concordato di fissare un tetto al prezzo del petrolio russo durante una videoconferenza", si legge nella nota.
Come ha scritto in precedenza il quotidiano Financial Times, citando una fonte, questo "tetto" opererà secondo i termini dell'embargo UE, secondo cui dal 5 dicembre è prevista l'introduzione di un limite di prezzo per il petrolio, e dal 5 febbraio del prossimo anno per i prodotti petroliferi.
I Paesi del G7 hanno anche convenuto, se necessario, di prendere in considerazione misure aggiuntive per garantire l'efficacia del tetto massimo di prezzo per le forniture dalla Russia.
Inoltre, i ministeri delle Finanze del G7 hanno confermato l'intenzione di vietare il trasporto marittimo di greggio e prodotti petroliferi di origine russa nel mondo, a meno che non vengano acquistati a un prezzo marginale o inferiore. Il segretario al Tesoro britannico Nadeem Zahavi, a sua volta, ha aggiunto che questo divieto influenzerà l'assicurazione delle navi e la fornitura di finanziamenti ai vettori di petrolio russo.
Il documento afferma inoltre che oltre alle restrizioni sul petrolio, verranno sviluppati meccanismi che consentiranno ai Paesi vulnerabili di mantenere l'accesso ai mercati energetici, compreso quello russo.
Il G7 ha anche invitato tutti gli stati produttori di petrolio ad aumentare la produzione di petrolio al fine di ridurre la volatilità nei mercati energetici.
"A questo proposito, accogliamo con favore la recente decisione dell'OPEC di aumentare la produzione in condizioni di offerta ristrette", si legge nella nota.
In conclusione, i vertici dei ministeri delle finanze dei Paesi del G7 hanno invitato tutti gli stati ad aderire all'iniziativa per introdurre prezzi limite per il petrolio russo. I Paesi occidentali, sullo sfondo dell'operazione speciale in Ucraina, continuano a tentare di limitare le entrate della Russia dalle esportazioni di energia.
L'Unione Europea ha già adottato 6 pacchetti di sanzioni, compreso un embargo sulle forniture di carbone e petrolio. Allo stesso tempo, l'interruzione delle catene di approvvigionamento ha portato a un forte aumento dei prezzi di carburante e cibo in Europa e negli Stati Uniti.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала