Le sanzioni Ue sono il motivo della sospensione delle forniture attraverso Nord Stream

© Sputnik . Grigorij Sysoew / Accedi all'archivio mediaGasdotto Nord Stream in Germania
Gasdotto Nord Stream in Germania - Sputnik Italia, 1920, 31.08.2022
Seguici suTelegram
Il gasdotto Nord Stream è stato inattivato a partire da oggi a seguito di lavori di manutenzione e le forniture dovrebbero riprendere a partire dal prossimo 3 settembre.
Le sanzioni anti-russe dell'Europa sono responsabili della sospensione delle operazioni di Nord Stream, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.
"Sono state le loro stesse sanzioni a portare gli europei a questa situazione", ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in conferenza stampa.
Il portavoce del presidente russo ha indicato che Mosca e il colosso energetico Gazprom "si sono impegnati e rimangono impegnati nei loro obblighi e contratti", ma "semplicemente non possono adempierli al momento per le misure afflittive e le sanzioni imposte dalla Ue, dal Regno Unito e da altri Paesi".
Peskov ha chiarito che solo 1 delle 6 turbine di Nord Stream è attualmente operativa, mentre le altre sono in attesa di riparazione o non possono essere avviate a causa di problemi giuridici.
"La manutenzione di servizio di queste turbine viene eseguita secondo la legge britannica. Viene eseguita da una divisione di Siemens che ha sede nel Regno Unito ed opera secondo la legge britannica. E conoscete le sanzioni britanniche contro il nostro Paese", ha affermato. "Senza adeguate garanzie legali che queste sanzioni non saranno estese, è impossibile eseguire qualsiasi lavoro. Gli europei hanno portato questa situazione al culmine", ha detto Peskov.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала