La CIA minaccia gli uomini d'affari turchi per il commercio con la Russia - media locali

© AFP 2022 / Saul LoebCIA, Virginia, USA
CIA, Virginia, USA - Sputnik Italia, 1920, 26.08.2022
Seguici suTelegram
Accuse di ingerenze negli affari internazionali da parte turca. Un quotidiano locale solleva il caso: l'Agenzia di Intelligence americana fa pressioni sul mondo del business nel Paese turco per impedire di fare affari con la Russia.
"La Central Intelligence Agency (CIA) ha usato intimidazioni contro uomini d'affari turchi coinvolti nel commercio con la Federazione russa, facendo leva sui loro contratti immobiliari con russi", riporta questo venerdì il quotidiano turco Yeni Safak.
Secondo quanto riferito dallo stesso, il capo della CIA per la Turchia ha chiamato e "minacciato apertamente" i funzionari delle società di costruzioni con legami con l'acquisto di alloggi da parte di entità e privati ​​russi. Il funzionario dell'Agenzia ha intervistato uomini d'affari turchi, chiedendo loro il numero di case vendute ai russi, la valuta utilizzata nelle transazioni e altri dettagli riservati.
Così un ufficiale della CIA nel corso delle interviste rivolte agli uomini d'affari del settore immobiliare:

"Quante case hai venduto ai russi? (...) in quale valuta hai raccolto il prezzo delle case che hai venduto? (...) Con quale canale hanno effettuato il pagamento? Hai preso i soldi a mano o hanno pagato tramite la banca?".

Un altro esempio di "ingerenza" negli affari interni turchi include una lettera che, secondo ancora Yeni Safak, il vice-Segretario al Tesoro statunitense Wally Adeyemo ha inviato alla 'Turkish Industry and Business Association' (TUSIAD). La lettera, secondo quanto riferito, datata lunedì, minacciava di imporre sanzioni ai membri della TUSIAD in affari con la Russia.
Adeyemo ha anche tenuto una telefonata con il vice-Ministro delle finanze turco Yunus Elitas venerdì scorso, in cui ha espresso preoccupazione per il fatto che entità e individui russi stiano tentando di utilizzare la Turchia per aggirare le sanzioni imposte dall'Occidente.
Gli Stati Uniti e un certo numero di Paesi allineati hanno iniziato a imporre sanzioni a individui ed entità russe in risposta al lancio dell'operazione militare speciale russa in Ucraina alla fine di febbraio.
La Turchia non ha aderito al regime di sanzioni contro Mosca.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала