Politico: UE propone di allentare pressioni sui Pasdaran per tornare all'accordo nucleare con l'Iran

© AP Photo / StringerLe manovre dei pasdaran
Le manovre dei pasdaran - Sputnik Italia, 1920, 13.08.2022
Seguici suTelegram
L'Unione Europea avanza un’iniziativa di allentare le sanzioni statunitensi contro il Corpo delle guardie della rivoluzione islamica (IRGC, le unità speciali delle Forze armate iraniane) al fine di ripristinare il Piano d'azione globale congiunto (JCPOA) sul programma nucleare iraniano.
Lo ha riportato venerdì il quotidiano Politico, citando una bozza di accordo.
La proposta dell'UE non implica la revoca delle sanzioni nei confronti dei Pasdaran, inseriti da Washington nell'elenco di organizzazioni terroristiche straniere, ma ne riduce notevolmente l'efficacia. Poiché l'UE ha lavorato al documento in stretto coordinamento con Washington, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden potrebbe fare più concessioni del previsto, anche il capo della diplomazia europea Josep Borrell è favorevole a questa misura, sottolinea Politico.
Secondo il giornale, le persone che non sono cittadini statunitensi potranno fare affari con individui iraniani legati all'IRGC senza il rischio di essere sanzionati.
"I cittadini non statunitensi che fanno affari con iraniani che non sono nella lista delle sanzioni statunitensi non saranno soggetti a sanzioni solo perché quei rappresentanti dell’Iran sono coinvolti in transazioni separate con gli iraniani che sono nella lista delle sanzioni statunitensi, incluso il Corpo delle guardie della rivoluzione islamica, i suoi funzionari, filiali e affiliate", cita Politico il documento.
Tuttavia, un alto funzionario statunitense contattato dal quotidiano per un commento ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli sulla proposta dell'UE.
"Non siamo in trattative pubbliche e non commenteremo le fughe di notizie apparse sulla stampa. Stiamo studiando attentamente il testo finale dell'accordo proposto dall'UE e comunicheremo la nostra risposta quando richiesto", ha affermato, aggiungendo che trovare un compromesso "richiede decisioni difficili da parte di tutti i soggetti coinvolti".
Il JCPOA è stato firmato nel 2015 da Iran, Cina, Francia, Germania, Russia, Regno Unito, Stati Uniti, insieme all'Unione Europea. L'Iran avrebbe dovuto ridimensionare il suo programma nucleare e ridurre drasticamente le proprie riserve di uranio in cambio dell’annullamento delle sanzioni.
Микрочип - Sputnik Italia, 1920, 13.08.2022
Dipendenza dai chip taiwanesi, a rischio l'economia USA tra le tensioni con la Cina
Tuttavia, nel 2018 il presidente americano Donald Trump ha annunciato il ritiro unilaterale dall'accordo, avviando la strategia di nuove, rigide, sanzioni nei confronti dell’Iran. In seguito l'Iran ha iniziato a sospendere i suoi obblighi fissati nel documento: ha ridotto gradualmente i suoi impegni dell'accordo, aumentando la quantità e la qualità dell'uranio che produce e imponendo alcuni limiti alla capacità degli ispettori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica di condurre controlli improvvisati.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала