Ucraina interrompe il transito del petrolio russo verso Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia

© Sputnik . Egor EryomovSimbolo dell'oleodotto "Amicizia" nei pressi della città di Mazyr in Bielorussia
Simbolo dell'oleodotto Amicizia nei pressi della città di Mazyr in Bielorussia - Sputnik Italia, 1920, 09.08.2022
Seguici suTelegram
Il 4 agosto, la società ucraina Ukrtransnafta ha interrotto il trasporto di petrolio russo attraverso il ramo meridionale del sistema di oleodotti Druzhba verso Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, riferiscono i media russi, citando Igor Demin, portavoce del presidente della russa Transneft.
"Ukrtransnafta ha interrotto completamente il trasporto di petrolio in Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia attraverso il ramo meridionale di Druzhba il 4 agosto alle 06:10. Allo stesso tempo, il transito attraverso la Bielorussia in direzione della Polonia e della Germania continua", ha affermato Demin.
Demin ha osservato che la compagnia ucraina fornisce servizi di trasporto su pagamenti anticipati al 100%, ma durante l'ultimo tentativo di effettuare un pagamento, l'importo è tornato sul conto di Transneft.
Gazprombank, che si occupa di pagamenti, ha comunicato che il pagamento non è stato accettato a causa dell'introduzione delle normative UE, ovvero del settimo pacchetto di sanzioni. Il ministero dell'Energia russo e i fornitori di servizi che vendono carburante a Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, nonché la stessa Ukrtransnafta, sono consapevoli della situazione attuale, ha dichiarato un portavoce della banca.
Allo stesso tempo, Transneft ha affermato che valuta opzioni alternative per il pagamento dei servizi di transito attraverso l'Ucraina. La società ha inviato un appello a Gazprombank per ottenere il permesso dal regolatore europeo di effettuare pagamenti in base all'accordo con Ukrtransnafta.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала