L'Italia inizierà a produrre gas dai rifiuti per ridurre la dipendenza dalla Russia

© Sputnik . Dmitrij Leltschuk / Accedi all'archivio mediaGasdotto
Gasdotto  - Sputnik Italia, 1920, 08.08.2022
Seguici suTelegram
Maire Tecnimont studia la possibilità di estrarre carbonio e idrogeno utili per la formazione di gas artificiale direttamente dai rifiuti in discarica. L'idea è di costruire 10 impianti per la lavorazione di 600mila tonnellate di rifiuti non riciclabili annui.
L'azienda sta lavorando alla tecnologia per estrarre carbonio e idrogeno dai rifiuti delle discariche per produrre sostanze chimiche e combustibili rispettosi dell'ambiente. Secondo Alessandro Bernini, ad di Maire Tecnimont, ogni anno nelle discariche del Paese vengono immesse circa 16 milioni di tonnellate di rifiuti non riciclabili.

"Potremmo trasformarli in gas sintetico per ridurre la dipendenza da fonti energetiche estere (...) Con 10 impianti in grado di lavorare 600.000 tonnellate all'anno, in 5 anni questi impianti potrebbero produrre in patria il 10% del gas necessario per il riscaldamento e l'elettricità in tutta Italia", ha affermato Bernini in un'intervista a Bloomberg.

L'Italia soffre come tutta l'Europa di carenza di gas dall'avvio dell'operazione speciale russa in Ucraina. Diversi accordi sono stati siglati per ridurre la dipendenza dal gas russo e per diversificare le fonti energetiche in particolare con l'Algeria, l'Angola, l'Azerbaigian e da una serie di altri Paesi.
Alla fine di giugno, il governo Draghi ha annunciato che la quota delle forniture di gas russo era stata ridotta dal 40% al 25%.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала