Il Cremlino risponde alle parole di Zelensky sugli eventuali referendum in Ucraina

© Sputnik . Alexey KudenkoDmitry Peskov, portavoce del presidente della Russia
Dmitry Peskov, portavoce del presidente della Russia - Sputnik Italia, 1920, 08.08.2022
Seguici suTelegram
Dmitry Peskov: gli stessi residenti vogliono organizzare referendum nei territori liberati dell'Ucraina.
Il segretario stampa del presidente della Russia Dmitry Peskov ha consigliato a Vladimir Zelensky di rivolgersi ai cittadini ucraini nei territori controllati dalla Federazione Russa sulla possibilità di organizzare referendum in loco.
Volodymyr Zelensky, nel suo ultimo videomessaggio pubblicato sul suo canale Telegram, aveva affermato che lo svolgimento di referendum nelle regioni meridionali liberate dalle forze armate russe "chiuderà ogni opportunità alla Russia di negoziare con l' Ucraina e il mondo libero".
Peskov ha risposto così ai giornalisti, quando gli è stato chiesto un commento circa la dichiarazione del presidente ucraino, secondo cui i negoziati tra la Federazione Russa e l'Ucraina non avrebbero potuto aver luogo se si fossero tenuti referendum nei territori liberati:

"Il fatto è che sono i residenti della regione ad avere questi piani. Non siamo noi a tenere i referendum. Qui, a quanto pare, è necessario capire a chi Zelensky sta rivolgendo questa dichiarazione: ai cittadini ucraini delle regioni menzionate o ai cittadini della Russia. Se ai cittadini e alla leadership della Russia, in questo caso noi siamo l'indirizzo sbagliato", ha detto Peskov ai giornalisti.

Il portavoce del Cremlino ha concluso il suo intervento auspicando che la stessa domanda Zelensky la rivolga ai propri cittadini:
"Bisogna che si rivolga ai propri cittadini, e si chieda perché ci sono così tanti di loro che non vogliono vivere nel suo Paese".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала