Due navi portarinfuse hanno lasciato i porti ucraini

© SputnikIstanbu, Centro di coordinamento sull'export di grano
Istanbu,  Centro di coordinamento sull'export di grano - Sputnik Italia, 1920, 08.08.2022
Seguici suTelegram
Il ministero della Difesa turco annuncia che 2 navi con carico secco di mais e soia hanno lasciato i porti di Yuzhny e Chernomorsk, in Ucraina, alla volta della Turchia.
"Due navi da carico secco con prodotti agricoli ucraini hanno lasciato i porti del Mar Nero", ha affermato il ministero della Difesa nazionale turco.

"Nell'ambito dei lavori del Centro di coordinamento congiunto, continuano le spedizioni di grano dai porti ucraini. Questa mattina la nave SACURA, che trasportava 11.000 tonnellate di semi di soia, ha lasciato il porto ucraino di Yuzhny. La nave ARIZONA con 48.458 tonnellate di mais è partita da Chornomorsk e si sta trasferendo a Iskenderun (Alessandretta)", ha affermato il dipartimento militare su Twitter.

Tutte le navi con grano in uscita in mare attraversano il corridoio umanitario e sono dirette a Istanbul, dove vengono ispezionate dal personale del centro di coordinamento.
Le consegne di prodotti agricoli dai porti ucraini via mare sono diventate possibili dopo che rappresentanti di Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite hanno firmato un pacchetto di due documenti il ​​22 luglio.
Il primo contiene impegni delle Nazioni Unite per rimuovere varie restrizioni all'esportazione di prodotti agricoli e fertilizzanti russi verso i mercati mondiali. La seconda stabilisce l''algoritmo' proposto dalla Russia per l'esportazione in sicurezza dei prodotti agricoli ucraini da tre porti del Mar Nero lungo il corridoio umanitario.
Secondo Vera Songwe, vice segretario generale delle Nazioni Unite, segretario esecutivo della Commissione economica per l' Africa, l'attuazione dell'"accordo sul prodotto" consentirà di fornire 23 milioni di tonnellate di grano ucraino ai mercati mondiali.
L'ONU ha ripetutamente affermato la minaccia di una crisi alimentare a causa della scarsità di grano. L'Occidente, a sua volta, ha accusato la Russia del fatto che i cereali provenienti dall'Ucraina non entrano nei mercati mondiali. Mosca ha categoricamente negato queste accuse. Successivamente si è scoperto che l'esercito ucraino ha dato fuoco al grano nel porto di Mariupol e ha anche disseminato di mine parte del Mar Nero.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала