La Polonia ha speso quasi l’1% del PIL per i rifugiati ucraini

© AP Photo / Pawel KuczynskiProfughi ucraini a Varsavia
Profughi ucraini a Varsavia - Sputnik Italia, 1920, 28.07.2022
Seguici suTelegram
La Polonia ha speso quasi l'1% del suo PIL per aiutare i rifugiati ucraini, ha affermato l'Istituto Polacco dell’Economia.
"L'importo totale dell'assistenza ai rifugiati stanziata dalle autorità polacche e fornita dai cittadini nei primi tre mesi di guerra è stata pari a quasi l'1% del PIL del Paese", afferma il rapporto.
Secondo le stime dell’Istituto, la spesa privata potrebbe raggiungere i 10 miliardi di zloty (2,1 miliardi di euro), ovvero lo 0,3% del PIL. Per fare un confronto, nell'intero 2021, la spesa privata per beneficenza in Polonia è stata di 3,9 miliardi di zloty (820 milioni di euro).
"La spesa totale in Polonia da parte delle autorità pubbliche e degli enti privati ​​per aiutare i rifugiati durante i primi tre mesi di guerra ha raggiunto i 25,4 miliardi di zloty (5,4 miliardi di euro), che equivalgono allo 0,9% del PIL della Polonia nel 2021", aggiunge l’Istituto.
E’ stato preso in considerazione il denaro donato direttamente o tramite donazioni di beneficenza, nonché il costo dell'acquisto di vari oggetti per i rifugiati, del costo dell'alloggio e del cibo offerto loro e di altre forme di sostegno.
Secondo l'Istituto, il 59% dei residenti polacchi ha acquistato oggetti per i rifugiati, il 53% ha donato denaro.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала