Von der Leyen chiede di dare all'Ucraina lo status di candidato alla Ue

© Fotolia / bernanamogluBandiere UE e Ucraina
Bandiere UE e Ucraina  - Sputnik Italia, 1920, 17.06.2022
Seguici suTelegram
La Commissione Europea ha presentato allo stesso tempo una serie di condizioni all'Ucraina sullo status di candidato all'adesione all'Unione Europea.
Ursula Von der Leyen ha esortato i Paesi membri a dare all'Ucraina lo status di candidato alla Ue, ha affermato in conferenza stampa con Olivér Varheliy, Commissario europeo per il Vicinato e l'allargamento.
"L'Ucraina ha chiaramente dimostrato l'aspirazione e l'impegno del Paese di essere all'altezza degli standard europei. L'Ucraina è una democrazia parlamentare molto solida, che vanta un'amministrazione eccellente, ha dichiarato la presidente della Commissione Europea.
La Commissione Europea ha avanzato diverse precondizioni per Kiev nel campo dello stato di diritto e della lotta alla corruzione.
"Sappiamo che occorre fare molto di più, ad esempio, sulla questione dello Stato di diritto... È necessario concentrarsi sull'accelerazione della nomina dei giudici della Corte costituzionale, dei membri del Consiglio supremo di giustizia".
Secondo la von der Leyen, l'Ucraina ha fatto molto nella lotta alla corruzione, ma occorre completare l'istituzione di organismi anticorruzione.
Le raccomandazioni della Commissione Europea in merito alla concessione dello status di candidato all'Ucraina indicano inoltre che occorre "rafforzare la lotta alla corruzione, soprattutto ad alto livello, attraverso indagini attive ed efficaci. Completare l'approvazione della normativa antiriciclaggio e approvare leggi contro l'oligarchia, per limitare l'influenza degli oligarchi sulla politica, sull'economia e sulla vita pubblica". Kiev deve inoltre "adottare una legge sui media audiovisivi che soddisfi gli standard europei. Riformare la legislazione relativa alle minoranze nazionali".
La decisione di concedere o negare lo status di candidati a Ucraina, Moldova e Georgia sarà presa dai capi di Stato e di governo dell'UE al vertice di Bruxelles del 23-24 giugno, tenendo conto della raccomandazione della Commissione europea.

Per Zelensky "decisione storica"

Raggiante il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dopo la presa di posizione della presidente della Commissione Europea sullo status di candidato alla Ue dell'Ucraina. Per Zelensky si tratta di una "giornata storica".
"Oggi è una giornata davvero storica, l'Ucraina ha sentito contemporaneamente il sostegno di quattro potenti Stati europei. E in particolare il sostegno al nostro movimento verso l'Unione Europea", ha scritto su Telegram.

"Prospettiva europea a Moldavia e Georgia"

Se per l'Ucraina la von der Leyen si è espressa a favore della candidatura alla Ue, per Moldavia e Georgia la presidente della Commissione Europea si è limitata a parlare di garantire una "prospettiva europea".
"Sulla Moldavia raccomandiamo che il Consiglio europeo le conceda una prospettiva europea e lo status di candidato". Raccomandiamo al Consiglio europeo di concedere una prospettiva europea alla Georgia ma di valutare se il Paese rispetta una serie di condizioni prima di concedergli lo status di candidato".
La decisione di concedere o negare lo status di candidati a Ucraina, Moldavia e Georgia sarà presa dai capi di Stato e di governo dell'UE al vertice di Bruxelles del 23-24 giugno, tenendo conto della raccomandazione della Commissione Europea.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала