- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Pechino dice basta a distorsioni su sua posizione relativa a crisi ucraina

© AP Photo / Andy WongIl portavoce del ministero degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese Zhao Lijian
Il portavoce del ministero degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese Zhao Lijian - Sputnik Italia, 1920, 14.04.2022
Seguici suTelegram
La Cina si oppone a qualsiasi travisamento della propria posizione in relazione alla crisi ucraina, alla cui soluzione Pechino continua a contribuire in vari modi, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian.
"Ci opponiamo fermamente a qualsiasi distorsione e denigrazione della posizione della Cina. La Cina ha sempre svolto un ruolo costruttivo sulla crisi ucraina, siamo a favore di una soluzione giusta e ambiamo alla pace", ha detto Zhao in una conferenza stampa.
Pechino, ha ricordato il rappresentante del dicastero diplomatico, continua a fornire sostegno umanitario all'Ucraina e ad altri Paesi colpiti dal conflitto e si adopera per "alleviare la situazione, risolvere la crisi e riportare la pace".
Allo stesso tempo la Cina stigmatizza i doppi standard e ritiene ugualmente necessario garantire la sovranità dell'Ucraina e affrontare le giustificate preoccupazioni sulla sicurezza della Russia, ha sottolineato.
Il presidente ucraino Vladimir Zelensky - Sputnik Italia, 1920, 09.04.2022
Zelensky chiede di aggiungere India, Cina e Turchia ai Paesi garanti degli accordi di sicurezza
Zhao ha aggiunto che Pechino respinge le accuse infondate e qualsiasi tipo di pressione e minaccia.

Operazione militare russa in Ucraina

La mattina del 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha ordinato un'operazione speciale in Ucraina, descrivendola come un passo necessario per intervenire nelle Repubbliche Popolari del Donbass, che stavano affrontando un "genocidio" e le atrocità commesse dal governo nazionalista a Kiev.
Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che le forze russe non stanno prendendo di mira le città o le infrastrutture sociali dei guarnigioni militari ucraini, al fine di evitare vittime tra i militari e le loro famiglie che risiedono lì, e ha ordinato di trattare il personale militare delle forze armate ucraine "con rispetto".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала