San Nicola è l'emblema dell'amore

© SputnikBari, passanti davanti alla basilica di San Nicola
Bari, passanti davanti alla basilica di San Nicola - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2022
Seguici suTelegram
Esclusiva
La statua di San Nicola donata dal presidente russo Vladimir Putin alla città di Bari nel 2007 divide i baresi. Nei giorni scorsi è stata lanciata una petizione online, che ha raggiunto 17 mila firme, per chiedere la rimozione della targa firmata da Putin. Qualcuno chiede addirittura lo spostamento della statua.
Ma molti sono contrari.
"Prendersela con un dono vuol dire proprio non avere il senso della storia e soprattutto non avere il senso del futuro. Quel dono, a prescindere da chi l'ha fatto, rappresenta l'emblema dell'amore che c'è tra due comunità: quella ortodossa e quella cattolica. Qui le massime 'intelligenze' si sprecano su un dono fatto dal presidente della federazione russa in quanto capo di una comunità, di un popolo devoto a questo santo", dice Rocky Malatesta, presidente del Cesvir, Centro Economia e Sviluppo Italo-Russo, con sede a Bari.
"Sono contrario a ogni forma di rimozione della cultura di qualunque paese, Russia compresa. Così come penso sia stato folle cancellare il corso del professor Nori su Dostoevskij, allo stesso modo credo che vada preservata una rappresentazione artistica che non lede la dignità di nessuno", dice Paolo Lattanzio, deputato barese del Pd. "San Nicola, tra l'altro, è parte della nostra identità e ha un valore anche di dialogo tra i popoli. Sarebbe un gesto brutto verso le decine di migliaia di pellegrini che negli anni dalla Russia sono giunti a Bari. Nessuno di noi deve avere qualcosa contro il popolo russo."
"Rispedisco al mittente qualsiasi richiesta di rimozione della targa o, addirittura, della stessa statua: quel dono ha una collocazione temporale ben precisa e la 'cancel culture' non mi appartiene. Da barese dico: la statua di San Nicola non si tocca", - dice il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso.
Anche il Presidente della regione Puglia Michele Emiliano è contrario alla rimozione della statua del santo. “La statua di San Nicola, chiunque l’abbia regalata, il valore è San Nicola. E punto”. Ed estende il suo pensiero sui turisti russi: “Per noi ovviamente è un grande dolore se non riuscissero a venire a trovarci, ma sono sempre a casa loro”.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала