Putin: la Russia riprenderà il suo programma lunare

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaIl presidente russo Putin
Il presidente russo Putin - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2022
Seguici suTelegram
Nel 61° anniversario del volo nello spazio di Yuri Gagarin, il presidente russo ha annunciato che il Paese proseguirà con i suoi piani di esplorazione spaziale nonostante tutte le pressioni provenienti dall'estero.
Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato stamane, martedì 12 aprile, che la Russia riprenderà il programma lunare, con particolare riferimento alla missione ‘Luna-25’. Il presidente ha sottolineato che il numero e la qualità delle costellazioni di satelliti russi saranno notevolmente ampliati.
"La generazione dei creatori del nostro programma spaziale e missilistico nazionale ci ha lasciato non solo un'importante base tecnologica, ma anche i valori a cui guardiamo ancora oggi", ha affermato Putin.
Il capo dello Stato ha anche affermato che la Russia rafforzerà la cooperazione con la Bielorussia sulla questione, aggiungendo che i rappresentanti bielorussi saranno inviati nello spazio.
Luna 25 è una missione lunare pianificata da Roscosmos, l’agenzia spaziale russa. Atterrerà vicino al polo sud lunare presso il cratere Boguslavsky. La missione, inizialmente denominata Luna-Glob lander, è stata ribattezzata ‘Luna 25’ in onore e in continuità con il programma lunare sovietico degli anni ’70.
La missione prevede la discesa di un lander, e il lancio di un orbiter. Il primo esplorerà la superficie nella regione del Polo Sud e sarà dotato di un braccio meccanico per il campionamento del suolo, nonché possibilmente una trivella per la perforazione criogenica a una profondità di due metri, alla ricerca di acqua, il secondo effettuerà ricerche in orbita per selezionare siti adatti per la successiva discesa dei veicoli e, possibilmente, personale umano in futuro.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала