Putin incontra Lukashenko e fa il punto sull'operazione in Ucraina: "Procede secondo i piani"

© Sputnik . Mikhail Klimentev / Vai alla galleria fotograficaColloqui tra Putin e Lukashenko al cosmodromo Vostochniy
Colloqui tra Putin e Lukashenko al cosmodromo Vostochniy - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2022
Seguici suTelegram
Il presidente russo Putin ha incontrato il presidente bielorusso Lukashenko nel cosmodromo Vostochniy. Nella conferenza stampa al termine dell'incontro ha fatto il punto anche sulla situazione in Ucraina.
Putin ha ringraziato il presidente bielorusso Lukashenko per l'organizzazione dei primi negoziati diretti con l'Ucraina in Bielorussia, e ribadito che la Bielorussia è una piattaforma adatta al negoziato con l'Ucraina.

Sull'operazione speciale:

Putin ha espresso parole di ringraziamento per i soldati e gli ufficiali russi che "portando a termine compiti pericolosi e difficili in Donbass e Ucraina, difendono la Russia"

"Sento spesso domande: è possibile andare più velocemente? Sì, dipende dall'intensità delle ostilità e l'intensità delle ostilità in un modo o nell'altro è collegata alle perdite. L'operazione va secondo i piani. Il nostro compito è raggiungere gli obiettivi fissati e minimizzare le perdite"

Su Bucha

"Parlavo e continuo a parlare con i colleghi dei paesi occidentali. Quando menzionano Bucha dico: a Raqqa siete mai stati? Avete visto come questa città siriana è stata distrutta dai caccia americani. Dove i cadaveri giacevano per strada per mesi? Nessuno ci ha fatto caso"

Sull'Ucraina

Ucraina, Bielorussia e Russia sono un popolo unico, quello che sta accadendo ora in Ucraina è una tragedia, ma la Russia non aveva scelta, ha detto il presidente russo Vladimir Putin nella conferenza stampa dopo i colloqui con il leader bielorusso Alexander Lukashenko.

"Per quanto strano possa sembrare oggi, l'ho sempre detto, siamo un popolo trino: Ucraina, Bielorussia e Russia. Quello che sta accadendo in Ucraina è senza dubbio una tragedia. Aleksandr Grigorevich (Lukashenko ndr) ha detto bene: non ci hanno lasciato scelta. Era una questione di tempo"

Sul negoziato con l'Ucraina

Putin ha sottolineato che dopo la tornata di negoziati ad Istanbul, si era raggiunto un punto di incontro sul fatto che le garanzie di sicurezza non avrebbero riguardato i territori di Crimea, Sebastopoli e Donbass. "Subito dopo ci siamo trovati di fronte alla provocazione a Bucha e la parte ucraina ha fatto un passo indietro sulle intese di Istanbul" - ha detto Putin, rimarcando che la parte ucraina di fatto si è messa in una posizione di vicolo cieco.

"Ieri sera mi hanno detto che la parte ucraina ha cambiato di nuovo qualcosa nelle sue posizioni, ma non ne sono al corrente. Questa inconsistenza crea delle difficoltà oggettive per il raggiungimento di un accordo conclusivo accettabile per tutti. E finchè questo non accadrà, l'operazione militare andrà avanti, fino a quando gli obiettivi saranno raggiunti." ha detto Putin.

Sui rapporti con l'Occidente

"L'opinione pubblica dei paesi occidentali è travolta da un'ondata di isteria antirussa, ma il tempo sarà galantuomo. Quando la gente si troverà di fronte ad una crescita dei prezzi della benzina, del cibo, dell'inflazione senza precedenti, tutto questo si rifletterà sui processi di politica interna."

Sulle sanzioni

Il presidente russo Putin ha detto che le sanzioni introdotte dai paesi occidentali non hanno messo in ginocchio l'economia russa ed ha sottolineato che in caso di applicazione di nuove sanzioni da parte dei paesi occidentali, in sfere come la finanza e la logistica, la situazione sarà più complicata anche per loro.

"Il blitzkrieg su cui contava l'Occidente non c'è, l'economia e il sistema finanziario russi sono saldi, ma i rischi potrebbero aumentare nel medio e lungo termine"

Il mondo oggi è più complicato di quanto fosse durante la Guerra Fredda, quando c'erano due blocchi. Nessun paese riuscirà a mantenere il proprio dominio - ha detto Putin

Sul programma spaziale

La Russia mantiene la leadership nel settore spaziale, come dimostrano i risultati degli ultimi anni, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.
"Tutto ciò che abbiamo visto durante la nostra visita a Vostochny, tutti i successi nell'esplorazione spaziale negli ultimi anni indicano che il nostro Paese mantiene la sua leadership nel campo spaziale, è uno dei leader", ha affermato.
Il presidente ha definito simbolico lo svolgimento di colloqui con il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko in occasione della Giornata della cosmonautica al cosmodromo di Vostochny.
"I popoli dei nostri paesi sono orgogliosi che il primo volo con equipaggio nello spazio, compiuto da Yuri Alekseevich Gagarin 61 anni fa, abbia aperto una nuova era: l'era dell'esplorazione spaziale", ha affermato Putin.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала