La Uefa riduce i posti a sedere allo stadio dell'Atletico Madrid dopo i saluti nazisti dei tifosi

Il logo dell'Uefa - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2022
Seguici suTelegram
Imposta la chisura per 5000 posti al Wanda Metropolitano dell'Atletico Madrid, dopo che alcuni tifosi della squadra spagnola avevano fatto saluti nazisti sugli spalti. Era apparsa addirittura una bandiera nazista. La Uefa ha così imposto anche che venga esibito lo striscione #NoToRacism" alla partita del 12 aprile.
Dopo i ripetuti saluti nazisti fatti in curva da alcuni tifosi spagnoli dell'Atletico Madrid la Uefa ha deciso per il pugno duro, imponendo all'Atletico la riduzione di 5mila posti allo stadio della squadra, il Wanda Metropolitano, in occasione della partita di ritorno del 12 aprile, contro il Manchester City.
Un intero settore, così, rimarrà chiuso, conteggiando 5000 posti in meno.
Il provvedimento Uefa è scattato dopo che le telecamere interne all'Etihad Stadium avevano ripreso alcuni sostenitori dell'Atletico mentre facevano saluti nazisti.
Oltre alla chiusura di un intero settore, l’Uefa ha chiesto l'esposizione di uno striscione con la scritta: "#NoToRacism" e il proprio logo.
La condotta dei tifosi dell'Atletico d'altronde, è stata senza ombra di dubbio al di fuori di "ogni spirito sportivo", con gli stessi che hanno messo in campo addirittura una bandiera con chiari simboli nazisti.
La squadra ha già annunciato ricorso, definendo la decisione della Uefa "sproporzionata".
Il problema riguarda ora i biglietti già venduti, appunto quei 5mila posti che interessano per altro numerosi tifosi di provenienza estera, con ripercussioni inoltre sulle prenotazioni alberghiere e l'indotto.
La squadra, fa sapere, paventa problemi di "ordine pubblico" e di sicurezza, in merito alla vicenda.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала