Consiglio Affari Esteri: nessun accordo tra i paesi UE su sanzioni contro petrolio e gas russi

© AP Photo / Francisco SecoL'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e la Sicurezza dell’Unione Europea, Joseph Borrell
L'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e la Sicurezza dell’Unione Europea, Joseph Borrell - Sputnik Italia, 1920, 11.04.2022
Seguici suTelegram
L'Alto rappresentante Ue per la Politica estera, Josep Borrell, ha parlato alla stampa al termine Consiglio Affari Esteri in Lussemburgo.
I ministri degli Esteri dell'UE non hanno preso decisioni sulle sanzioni contro il petrolio e il gas della Russia, hanno deciso di continuare le discussioni, ha affermato Borrell.

"Abbiamo discusso, prima di tutto, di come garantire l'efficacia delle sanzioni esistenti al fine di evitare lacune nella loro attuazione. Ma abbiamo anche discusso di nuovi passi che possiamo intraprendere, comprese le sanzioni contro petrolio e gas. Non abbiamo preso decisioni in merito tali sanzioni, abbiamo deciso di continuare le discussioni "

I ministri degli esteri dell' Unione Europea hanno convenuto di continuare l'assistenza militare all'Ucraina, in particolare, aumenteranno la fornitura di armi visti i timori di un aumento delle ostilità nell'est del paese.
"I ministri hanno discusso della situazione in Ucraina, delle preoccupazioni per un possibile aumento delle ostilità nel Donbass, nell'est del Paese. Tutti hanno convenuto sulla necessità di continuare il supporto all'Ucraina, compreso quello militare", ha affermato il diplomatico dell'UE Josep Borrell dopo la riunione del Consiglio Affari Esteri della UE.
Secondo Borrell, "è necessario concentrarsi sulla capacità di difesa dell'Ucraina, questo è più importante al momento delle sanzioni contro la Russia". "Per aiutare l'Ucraina a difendersi, dobbiamo aumentare la fornitura di armi", ha concluso Borrell.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала