Ucraina, von der Leyen: pronti a procedure non standard per adesione all'UE

© AP Photo / Jean-Francois BadiasLa presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen
La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen - Sputnik Italia, 1920, 10.04.2022
Seguici suTelegram
La presidente della Commissione Europea ha comunicato che bisogna essere pronti a seguire procedure "fuori standard" in merito all'adesione dell'Ucraina all'Unione Europea.
Ursula von der Leyen ha affermato che il processo di adesione all'UE di solito si protrae per anni, ma nella situazione straordinaria in cui si trova l'Ucraina sono possibili procedure non standard.
Von der Leyen non ha comunque fornito date e scadenze precise di un'eventuale integrazione europea dell'Ucraina, che ha visitato nella giornata di venerdì.

"La cosa più importante per l'Ucraina è di decidere da soli che cosa vogliono fare in futuro, come intendono costruire il loro Paese. Vogliono entrare nell'Unione Europea. Di solito, questo processo richiede anni, e ieri abbiamo fatto un importante passo in avanti", ha detto von der Leyen alla CNN.

Venerdì von der Leyen ha consegnato al presidente ucraino Vladimir Zelensky una busta, contente un questionario di avvio dei negoziati per l'adesione all'Unione Europea.
Il capo della Commissione europea ha sottolineato che tale questionario costituisce "la base per le discussioni nei prossimi mesi".

"Ci sono molte speranze in Ucraina. Appartengono senza dubbio alla nostra famiglia europea. Si trovano in una situazione straordinaria, nella quale dobbiamo prendere misure fuori standard".

Von der Leyen ha chiarito che l'Unione Europea è pronta a sostenere le riforme che saranno implementate in Ucraina dopo la fine delle ostilità, contestualmente alla ricostruzione del paese.

"È un modo straordinario per plasmare il paese e per percorrere la strada verso l'UE".

In precedenza, Olga Stefanishyna, vice primo ministro ucraino per l'Integrazione europea ed euro-atlantica, aveva affermato che l'Ucraina si aspetta di ricevere dall'UE lo status di paese candidato a giugno.
Zelensky aveva firmato il 28 febbraio scorso la domanda di adesione dell'Ucraina all'UE.
Il giorno successivo, il parlamento europeo aveva sostenuto una risoluzione per concedere all'Ucraina lo status di paese candidato.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала