Finlandia: Ministero degli Esteri consente la restituzione delle opere d’arte bloccate alla Russia

CC BY 2.0 / Iago Laz / La bandiera finlandese
La bandiera finlandese - Sputnik Italia, 1920, 08.04.2022
Seguici suTelegram
Il sito del Ministero degli Esteri finlandese ha pubblicato una nota in cui afferma che le opere d'arte provenienti dalle collezioni Russe, e bloccate alla dogana finlandese, faranno ritorno nei musei russi.
Dopo qualche giorno di tensione le opere d’arte appartenenti ai musei russi potranno tornare a casa, il sequestro era scattato tra il 3 ed il 4 di aprile in quanto le nuove sanzioni imposte dall’UE alla Russia prevedono anche il divieto di trasporto di opere d’arte, e ne autorizzano il sequestro.
In questo modo circa 200 opere, tra quadri e sculture, per un valore stimato secondo Reuters in 42 milioni di euro erano state bloccate presso la dogana finlandese.
Le opere, appartenenti ai più importanti musei Russi, tra i quali l’Ermitage di San Pietroburgo e la Galleria Tretyakov ed il Museo delle Belle Arti Pushkin di Mosca sono quelle che erano state esposte nelle mostre: "Grand Tour. Sogno d’Italia da Venezia a Pompei" in esposizione alle Gallerie d’Italia in Piazza alla Scala a Milano e "La forma dell’infinito" al Museo d'Arte Moderna di Udine.
A quanto sembra comunque le nuove sanzioni approvate dall’UE, e che entreranno in vigore a partire dal 9 aprile 2022 “includeranno la possibilità per gli Stati membri di rilasciare permessi per l'esportazione o, per altro trasferimento, di beni culturali inclusi nella cooperazione culturale ufficiale, in Russia"
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала