Prelievi in contanti: regole e norme 2022

© Sputnik . Nina ZotinaEuro, banconote
Euro, banconote - Sputnik Italia, 1920, 07.04.2022
Seguici suTelegram
Ecco quali sono i limiti, le regole e le norme che regolamentano lo scambio, il prelievo ed il versamento di denaro.
Il limite attualmente in vigore, come ci fa sapere Adnkronos, relativamente allo scambio di contanti è di 2.000 euro, oltre questa cifra bisogna utilizzare soltanto strumenti finanziari tracciabili come: bancomat, carta di credito, bonifici, assegni non trasferibili o vaglia postali.
Per i trasgressori sono previste sanzioni da 2.000 a 50.000 euro, sia per chi consegna sia per chi riceve il denaro; dal 1° gennaio 2023 tali limiti dovrebbero scendere a 1.000 euro, cosi' come la sanzione minima applicabile.
E' proibito, inoltre, frazionare il pagamento in diverse tranche al fine di eludere il tetto massimo, questo e' consentito soltanto ove espressamente previsto dal contratto posto in essere tra le parti o quando rientra nelle consuetudini commerciali, come nel caso del pagamento di un professionista durante l'avanzamento dei lavori.

Conto corrente

I limiti all’uso dei contanti non valgono ovviamente per i prelievi e i versamenti sul proprio conto corrente dal momento che non si verifica uno scambio di denaro tra soggetti diversi, quindi, ad esempio, è possibile prelevare dal proprio conto corrente più di 1.000 euro

Controlli fiscali

Prelevando più di 1.000 euro in contanti dal proprio conto corrente non si è nemmeno esposti al rischio di controlli fiscali, a meno di non essere un imprenditore. Per chiunque, invece, i controlli dell’Agenzia delle Entrate possono avvenire solo su operazioni in entrata, questo al fine di verificare se si tratta di un eventuale reddito non dichiarato.

Giustificazioni sui prelievi

Nel caso che i prelievi superino il limite di 10.000 euro nel corso del mese la banca, ed in questo caso sara' l’addetto allo sportello a farlo, deve chiedere spiegazioni al correntista circa la destinazione del denaro, questa procedura però non ha fini fiscali ma rientra nelle iniziative poste in essere per contrastare il riciclaggio e la criminalità organizzata.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала