- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Pechino: gli USA devono smettere di imporre sanzioni per aiutare a risolvere il conflitto in Ucraina

© AP PhotoIl portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian
Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian - Sputnik Italia, 1920, 06.04.2022
Seguici suTelegram
Gli Stati Uniti devono smettere di gettare benzina sul fuoco e imporre sanzioni se vogliono davvero aiutare a ridurre le tensioni nell'Ucraina, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian in un briefing.
"Se gli Stati Uniti vogliono davvero contribuire ad una de-escalation della situazione in Ucraina, devono smettere di gettare benzina sul fuoco, smettere di brandire il bastone delle sanzioni e promuovere davvero i negoziati di pace", ha affermato il diplomatico.
Il giornale Washington Post aveva riferito, citando fonti anonime, che i funzionari americani stanno valutando la possibilità di rafforzare la campagna di sanzioni contro la Russia mentre è in corso l'operazione militare speciale di quest'ultima in Ucraina.
Le fonti hanno affermato che ulteriori sanzioni potrebbero essere mirate contro i settori economici russi su cui finora non sono state imposte restrizioni, come l'estrazione mineraria, i trasporti e altre aree del settore finanziario.
Secondo le fonti, la Casa Bianca ha discusso anche di "sanzioni secondarie" nei confronti dei paesi che continuano a commerciare con la Russia.
Aleksandr Shchetinin, direttore del Dipartimento per l'America Latina del ministero degli Esteri russo, ha affermato a Sputnik che l'Occidente "non si preoccupa delle conseguenze socioeconomiche globali delle sanzioni imposte alla Russia, in particolare nei settori energetico, finanziario, e del settore alimentare”.
Il commento è arrivato dopo che l'agenzia Bloomberg aveva riferito che, nonostante l'impatto negativo delle sanzioni occidentali, l'economia russa potrebbe "emergere con un bilancio brillante se alcuni dei suoi maggiori partner commerciali non chiudono il rubinetto alle sue esportazioni di energia". L'agenzia ha sostenuto che la Russia potrebbe "guadagnare quasi 321 miliardi di dollari dalle sue esportazioni di energia" entro la fine di quest'anno, un aumento di oltre un terzo rispetto al 2021.
Il ministero degli Esteri russo a Mosca - Sputnik Italia, 1920, 06.04.2022
Mosca: all'Occidente non interessano le conseguenze globali delle sanzioni alla Russia

Le sanzioni occidentali contro la Russia per la sua operazione speciale in Ucraina

I paesi occidentali hanno imposto una serie di sanzioni alla Russia, tra cui anche misure restrittive nei confronti di banche e imprese, a causa della situazione in Ucraina. Diverse società hanno annunciato di aver sospeso le loro attività nel mercato russo e la chiusura degli impianti di produzione nel Paese.
Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha osservato che le società occidentali che si rifiutano di lavorare con la Russia lo hanno fatto sotto enormi pressioni, ma la Russia risolverà tutti i problemi con l'economia che l'Occidente le crea.
Successivamente, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la politica di contenimento e indebolimento della Russia è una strategia a lungo termine dell'Occidente e le sanzioni hanno sferrato un duro colpo all'intera economia globale. A suo avviso, l'obiettivo principale dell'Occidente è il deterioramento della vita di milioni di persone.
Putin ha anche affermato che gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno de facto inadempiuto ai propri obblighi nei confronti della Russia, congelando le sue riserve di valuta estera. Ha aggiunto che gli eventi attuali segnano la fine del dominio globale dell'Occidente sia in politica che in economia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала