- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Mosca accusa i media occidentali: "complici" della provocazione a Bucha

© Sputnik . Maxim Blinov / Vai alla galleria fotograficaMaria Zakharova
Maria Zakharova - Sputnik Italia, 1920, 06.04.2022
Seguici suTelegram
Mosca ha più volte sottolineato che considera quanto accaduto nella città ucraina di Bucha come "l'ennesima provocazione" creata da Kiev appositamente per i media occidentali.
Mosca accusa i media occidentali, in particolar modo quelli statunitensi, di essere stati complici nel crimine di Bucha, ha affermato mercoledì il ministero degli Esteri russo.
La portavoce del dicastero diplomatico Maria Zakharova ha affermato in un briefing che i politici occidentali sono personalmente responsabili di aver "sostenuto il crimine" commesso dal regime di Kiev.
Zakharova ha osservato che l'Occidente non ha nemmeno tentato di indagare sui fatti di Bucha, lanciando subito le accuse contro la Russia.
"Accuso i media occidentali, e soprattutto quelli americani, non solo di diffondere fake e disinformazione, ma di complicità nel crimine nella città di Bucha", ha detto.
Allo stesso tempo, i media in Occidente stanno bloccando "un punto di vista alternativo", ha affermato.
"Diffondendo notizie false e bloccando la verità, un punto di vista alternativo, i materiali degli investigatori e il discorso diretto, sono complici di questa terribile tragedia", ha aggiunto Zakharova.
La portavoce del ministero degli Esteri russo ritiene che i titoli dei giornali occidentali sulla provocazione di Bucha siano simili alla retorica di un quotidiano tedesco che durante la seconda guerra mondiale accusava l'esercito sovietico di presunti crimini in una delle città tedesche.
"Non ricorda nulla? Abbiamo già capito la situazione i titoli dei giornali, sono tali e quali. E la reazione internazionale? E' la stessa, in un secondo il mondo intero ha sentito dichiarazioni di rappresentanti, funzionari e capi di stato dei paesi europei, che solo dalle fotografie hanno potuto capire cosa sia successo lì e hanno pronunciato il verdetto", ha detto Zakharova.
I media ucraini e occidentali hanno pubblicato filmati della città nella regione di Kiev che mostrano corpi sparsi per le strade, sostenendo che si tratta di civili assassinati dai militari russi. Tuttavia, l'autenticità delle affermazioni è stata messa in dubbio dagli utenti dei social media, i quali hanno notato che alcuni dei "cadaveri" sembrano muoversi o addirittura alzarsi in piedi quando non sono più davanti alla telecamera.
Mosca ha categoricamente negato le accuse, affermando che il filmato di Bucha è stato messo in scena appositamente per essere promosso dai media occidentali ai fini di diffamare la Russia e sabotare i colloqui di pace in corso tra Mosca e Kiev.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала