L'Aquila ricorda il 13° anniversario del tragico terremoto

© Sputnik . Sertaç KayarLe conseguenze del terremoto 3
Le conseguenze del terremoto 3 - Sputnik Italia, 1920, 06.04.2022
Seguici suTelegram
I presidenti delle due camere del Parlamento hanno ricordato il violento sisma che ha duramente colpito il capoluogo abruzzese il 6 aprile del 2009, a seguito del quale 309 persone rimasero uccise e oltre 1.600 furono i feriti.
Il presidente della Camera Roberto Fico ha ricordato il tragico sisma che 13 anni fa danneggiò gravemente L'Aquila. Nel suo intervento ha evidenziato la scelta del fiore dello zafferano, simbolo di questa terra, "come simbolo per ricordare le vittime di quel tragico evento".
“Nel terribile terremoto che nel 2009 colpì L’Aquila e il suo territorio persero la vita 309 persone, e 1500 furono ferite. Il nostro pensiero oggi va a tutti loro, alle loro famiglie, a chi, in pochi istanti, perse tutto. Il Comune dell’Aquila ha scelto il fiore dello zafferano come simbolo per ricordare le vittime di quel tragico evento. Un fiore della memoria, che rappresenta il territorio e la tenacia dei suoi abitanti, ma che porta in sé il senso anche della rinascita, della speranza e del riscatto”.
Anche la seconda carica dello Stato, la presidente del Senato Elisabetta Casellati, ha voluto ricordare i tragici eventi che si sono consumati 13 anni fa nel capoluogo regionale abruzzese. Nel suo intervento la presidente del Senato ha posto l'accento sui fondi del Pnrr, che diventeranno un "contributo di ricostruzione per l'Abruzzo".
“Così come abbiamo ancora impresse le immagini di interi territori trasformati, in pochi secondi, in una nuvola di polvere, macerie e morte. Fu una tragedia enorme, ma mise in evidenza la tempra del popolo abruzzese, che non si scoraggiò iniziando da subito una ricostruzione purtroppo non ancora ultimata. Ho fiducia che l’importante stanziamento previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza darà un decisivo contributo alla ricostruzione materiale ma anche alla rinascita economica e sociale di questi territori messi in ginocchio dal sisma", ha affermato la Casellato, aggiungendo che questi territori sono stati "provati pesantemente anche dalla pandemia”.
Il 6 aprile 2009 alle ore 3.32, con epicentro nella zona compresa tra le frazioni di Roio Colle, Genzano di Sassa e Collefracido del capoluogo abruzzese, si è verificato un sisma con una magnitudo pari a 6,3. il bilancio definitivo fu di 309 vittime, oltre 1.600 feriti e oltre 10 miliardi di euro di danni stimati.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала