- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Il video di Bucha è apparso il giorno dopo l'operazione di "pulizia" della polizia ucraina

© REUTERSMilitari ucraini
Militari ucraini - Sputnik Italia, 1920, 04.04.2022
Seguici suTelegram
La polizia nazionale ucraina ha "ripulito" Bucha il giorno prima che apparisse il video con i morti nelle strade.
Secondo il messaggio della Polizia nazionale ucraina apparso sui social network, il 2 aprile le forze speciali "hanno iniziato un'operazione pulizia della città di Bucha".
"Oggi, 2 aprile, nella città liberata di Bucha, nella regione di Kiev, unità speciali della polizia nazionale ucraina hanno iniziato a ripulire l'area da sabotatori e collaboratori delle truppe russe", si legge in una dichiarazione della polizia ucraina pubblicata su Facebook*.
Sabato le forze di polizia hanno inoltre pubblicato un video che mostra le truppe ucraine che camminano per le strade della città senza la presenza di corpi per le strade.
Foto e video di presunti civili morti che giacciono per le strade di Bucha sono emersi su Internet solo domenica, giorni dopo che le forze russe hanno lasciato la città.
Il primo aprile è stato pubblicato il video in cui il sindaco di Bucha, Anatoly Fedoruk, affermava che le truppe russe avevano lasciato la città. In tale occasione, inoltre, il sindaco non fa menzione di alcuna esecuzione di civili con le mani legate avvenuta per le strade della città.
A sua volta, l'ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ha affermato in un'intervista all'edizione americana di Newsweek che i bombardamenti da parte dell'esercito ucraino avrebbero potuto causare vittime civili nel sobborgo di Bucha a Kiev.
"Gli Stati Uniti hanno deliberatamente messo a tacere il fatto che subito dopo il ritiro delle truppe russe, le forze armate ucraine hanno sottoposto la città di Bucha al fuoco dell'artiglieria. Ciò ha potuto portare a perdite tra la popolazione civile", ha affermato Antonov.
Ha definito ovvio che "il regime di Kiev sta cercando di scaricare la colpa di tutte le sue atrocità sulla Russia".
All'inizio del 3 aprile, il ministero della Difesa russo ha risposto alle dichiarazioni dell'Ucraina sui massacri della città di Bucha, presumibilmente commessi dall'esercito russo. Hanno definito questi rapporti una provocazione, spiegando che le prove dei crimini a Bucha sono apparse solo il quarto giorno dopo l'arrivo in città della SBU (Servizi di sicurezza dell'Ucraina) e dei rappresentanti della televisione del Paese.
* Le attività di Meta (social network Facebook e Instagram) sono vietate in Russia in quanto estremiste.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала